Keliauk Lietuvoje

ITINERARIO VIRTUALE “CAMMINO DI PELLEGRINAGGIO DI SAN GIOVANNI PAOLO II IN LITUANIA”

1,2 milioni di km. Così tanto si stima che Giovanni Paolo II abbia viaggiato, mentre era papa. Per questo motivo spesso viene chiamato “grande pellegrino” o “grande viaggiatore”. La Lituania è uno dei 129 paesi stranieri che il pontefice ha visitato. Giovanni Paolo II, primo papa di Roma non italiano nella storia, ha baciato la terra della Lituania il 4 Settembre 1993. Questa è stata la prima visita del Santo Padre nel territorio dell’ex’URSS (dalla Lituania Giovanni Paolo II è andato in Lettonia e in Estonia).
Nell’itinerario virtuale realizzato dall’agenzia di promozione turistica nazionale “Keliauk Lietuvoje” sono presenti non solo i santuari della Lituania, che Giovanni Paolo II ha visitato o che sono a lui connessi, ma anche i più importanti luoghi del Paese inseriti nel cammino di pellegrinaggio di San Giovanni Paolo II, famosi per la tradizione religiosa e per le esperienze sacre.
LUOGHI DEL CAMMINO DI PELLEGRINAGGIO DI SAN GIOVANNI PAOLO II
  • Oggetto precedente
  • Cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao di Vilnius Cappella della SS. Vergine Maria, Madre di Misericordia, denominata Porta dell’Aurora, e Chiesa di S. Teresa, a Vilnius Santuario della Divina Misericordia di Vilnius (Chiesa della SS. Trinità) Via Crucis di Vilnius (Calvario di Vilnius) Chiesa parrocchiale di Trakai della Visitazione della SS. Vergine Maria Chiesa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria di Pivašiūnai Basilica di S. Michele Arcangelo di Marijampolė e cappella del Beato Jurgis Matulaitis nella sua terra natale a Lūginė Basilica Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo di Kaunas Chiesa della Resurrezione di Cristo di Kaunas Complesso del monastero Camaldolese di Pažaislis Basilica della Nascita della SS. Vergine Maria di Šiluva, cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria e territorio tra le due Complesso della Chiesa e del monastero di Tytuvėnai Chiesa di Maria Regina della Pace di Klaipėda Basilica della Visitazione della SS. Vergine Maria e cappelle della Via Crucis del Calvario di Samogizia Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo Chiesa di S. Ignazio di Loyola di Šiauliai Collina delle Croci Chiesa del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis Basilica dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria di Krekenava
  • Oggetto successivo

Cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao di Vilnius

Katedros a. 2, Vilnius

Significato:

La Cattedrale di Vilnius è il santuario cattolico più importante di tutto il Paese e il simbolo della cristianizzazione della Lituania.

Storia:

La prima Cattedrale è sorta a metà del XIII sec. al posto di un ex tempio pagano ma a causa di frequenti incendi è stata ricostruita più di una volta. La Cattedrale, come la vediamo oggi, è stata ricostruita nel XVIII sec. su progetto dell’architetto Laurynas Stuoka-Gucevičius. Il santuario è in stile neoclassico ma nelle sue mura si nascondono anche elementi gotici, rinascimentali e barocchi. Il campanile della Cattedrale è situato nella torre di cinta muraria che un tempo circondava la città.

Importante per i pellegrini:

Nella Cattedrale si può visionare uno degli esempi di maggiore valore del primo barocco in Lituania: la cappella di Casimiro, dove è custodita la bara con le spoglie di S. Casimiro, l’unico santo proveniente dalla Lituania e il primo patrono della Lituania. Nella cappella di Goštautai si onora il quadro della SS. Vergine Maria (Madonna di Sapiegos) famoso da tempo per i miracoli. Questo è uno dei primi ritratti di Maria incoronata con le corone papali in Europa (1750). Nei sotterranei della Cattedrale sono rimaste le murature del XIII-XV sec. e l’affresco del XIV sec. più antico della Lituania, nel quale è rappresentata la crocifissione di Cristo.

I sotterranei del Santuario sono stati il luogo di sepoltura delle persone meritevoli della Chiesa e del Granducato di Lituania. Qui riposano in pace il granduca di Lituania e il re di Polonia Alessandro, i resti delle mogli di Sigmondo Augusto, Elisabetta e Barbara Radvilaitė, l’urna con il cuore del duca Ladislao, la cripta dei Vescovi allestita sotto la cappella del SS. Sacramento, nella quale per secoli furono sepolti i vescovi di Vilnius.

San Giovanni Paolo II:

Proprio con una preghiera nella Cattedrale di Vilnius, il 4 Settembre 1993, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha iniziato il proprio storico viaggio apostolico attraverso la Lituania. Nel Santuario egli ha incontrato i sacerdoti, monaci e il clero di tutta la Lituania, ha pregato davanti al sarcofago di S. Casimiro. Per ricordare questa visita storica, nella Cattedrale di Vilnius è fissata una lastra di marmo con un’iscrizione commemorativa.

Tradizioni religiose:

Festa di S. Casimiro. Ogni anno, il 4 marzo si festeggia il giorno di S. Casimiro, nella Cattedrale di Vilnius si celebra la Santa Messa, in tutta la città prende vita la tradizionale fiera di S. Casimiro, il cui simbolo è la tradizionale palma lituana di Pasqua (in lituano verba).

Festa minore di S. Casimiro. Ogni 4 del mese, alle ore 12.30: Santa Messa nella cappella di S. Casimiro.

Informazioni per i visitatori:

la Cattedrale di Vilnius è aperta ogni giorno dalle ore 7.00 alle 19.00. Le escursioni nella Cattedrale possono essere svolte solo quando non sono in corso le funzioni religiose. Coloro che desiderano visitare i sotterranei della Cattedrale devono rivolgersi al Museo del patrimonio ecclesiastico (www.bpmuziejus.lt )

Maggiori informazioni: https://www.katedra.lt/

Cappella della SS. Vergine Maria, Madre di Misericordia, denominata Porta dell’Aurora, e Chiesa di S. Teresa, a Vilnius

Aušros vartų g. 14, Vilnius

Significato:

La Porta dell’Aurora è un simbolo della città. Il miracoloso quadro della Santissima Vergine Maria Madre di Misericordia, appeso nella cappella della Porta dell’Aurora è ritenuto una delle opere pittoriche del Rinascimento più famose della Lituania. Esso è anche denominato “Madonna della Porta dell’Aurora” o “Madonna di Vilnius”. La Porta dell’Aurora appartiene alla rete Europea dei santuari di Maria, che riunisce in tutto 20 santuari.

Storia:

Nel XVI sec. la città di Vilnius fu circondata da un muro difensivo con dieci porte. La Porta dell’Aurora, menzionata per la prima volta nel 1514, era inizialmente chiamata la Porta di Medininkai. La rappresentazione della Santa Vergine Maria era appesa in una nicchia vicino a questa porta, solamente più tardi fu trasferita in una cappella di legno e quando questa bruciò, in una di muratura. La cappella ha acquisito l’aspetto in stile tardo neoclassico dopo la ricostruzione del XIX sec. La facciata della cappella ricorda un arco di trionfo.

La Chiesa di Santa Teresa d’Avila, nelle vicinanze della Porta dell’Aurora, è stata costruita a metà del XVII sec. dai Carmelitani scalzi. La Chiesa è collegata al monastero. Affreschi con le scene della vita di S. Teresa decorano i muri e le volte della Chiesa, l’altare maggiore è decorato dal ritratto del XVIII sec. “Trafittura del cuore di S. Teresa”. La Chiesa di S. Teresa è uno dei più perfetti monumenti del primo barocco di Vilnius.

Importante per i pellegrini:

Al centro dell’altare della cappella è custodito il quadro della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia, che si ritiene essere stato dipinto nel XVII sec. in base all’opera del pittore Olandese Maarten de Vos . Secondo un’antica tradizione Lituana e Polacca, il ritratto è stato coperto con finiture in argento dorato. Le grazie della Madre di Misericordia sono testimoniate dai segni di riconoscimento offerti dai fedeli: offerte votive che sono sopravvisute a testimonianza dei miracoli avvenuti.

San Giovanni Paolo II:

Durante la visita in Lituania, papa Giovanni Paolo II, il 4 Settembre 1993 ha recitato il rosario insieme ai fedeli provenienti da tutta la Lituania e dall’estero presso la Porta dell’Aurora e prima della preghiera ha ricordato che nel Vaticano c’è una cappella lituana, che è adornata da un ritratto uguale a quello qui presente.

Tradizioni religiose:

Festa minore della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora: nella Chiesa di S.Teresa, ogni 16 del mese.

Festa di S.Teresa d’Avila protettrice della Chiesa: viene festeggiata il 15 Ottobre.

Festa maggiore della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora: viene festeggiata per otto giorni durante la settimana in cui capita il 16 Novembre.

Informazioni per i visitatori:

La cappella della Porta dell’Aurora è aperta ogni giorno ore 7.00-19.00.

Maggiori informazioni: https://www.ausrosvartai.lt/index.php?option=com_content&task=view&id=49&Itemid=57

Santuario della Divina Misericordia di Vilnius (Chiesa della SS. Trinità)

Dominikonų g. 12, Vilnius

Significato:

Il Santuario della Divina Misericordia è uno dei centri di attrazione più grandi dei fedeli della capitale della Lituania nonché dei pellegrini di tutto il mondo. Qui è custodita la rappresentazione di Gesù Misericordioso, famosa per le sue grazie, dipinta in base alle visioni di Suor Faustina.

Storia:

Il Santuario gotico, eretto nel XV sec., fu trasformato in Chiesa Ortodossa dopo alcune centinaia di anni, nel 1920 fu restituito nuovamente ai Cattolici. Nel 1946-1947 ha lavorato alla Chiesa Mykolas Sopočka, sacerdote confessore di Suor Faustina, arrivato al convento di suore della Madre di Misericordia a Vilnius dalla Polonia. Proprio a lui Suor Faustina raccontava delle apparizioni di Gesù che le si manifestavano, in base alle quali successivamente fu dipinto il quadro della Divina Misericordia. Nel 1947 i sovietici chiusero di nuovo la Chiesa e utilizzarono i suoi spazi non una destinazione d’uso diversa. Solo nel 2004 la Chiesa è stata restaura e consacrata e le è stato conferito il titolo di santuario della Divina Misericordia.

Importante per i pellegrini:

Al centro del Santuario, sopra l’altare si trova il quadro miracoloso originale di Gesù Misericordioso dipinto dall’artista Eugenijus Kazimirovskis. Esso è stato realizzato nel 1934 in base alle visioni di Suor Faustina Kovalska. Nel dipinto è rappresentato Gesù vestito di bianco, che benedice le persone con la mano destra mentre con la sinistra tocca il cuore da cui vengono emessi dei raggi biancastri e rossi. Essi simboleggiano i sacramenti e le grazie che attendono coloro che pregheranno davanti a questo dipinto e si fideranno della Divina Misericordia.

Un po’ più lontano dal centro di Vilnius si può visitare anche la rimasta casa di S. Faustina, nella quale ella ha avuto le visioni e le ha descritte nel proprio diario. Ogni giorno alle ore 15 si recita la preghiera della Misericordia: la preghiera dettata alla Suora da Gesù apparsole. Questo luogo è inserito nell’itinerario di pellegrinaggio “Cammino della Misericordia”, di Vilnius, denominata città della Misericordia.

San Giovanni Paolo II:

Il 5 Settembre, mentre visitava Vilnius, il Santo Padre ha pregato presso l’immagine del Gesù Misericordioso (in quel momento si trovava nella chiesa dello Spirito Santo). Nel 2000 Giovanni Paolo II proclamò Suor Faustina la prima santa dell’appena iniziato terzo millennio.

Tradizioni religiose:

Settimana della Divina Misericordia: viene festeggiata dal secondo giorno di Pasqua fino alla festa della Divina Misericordia.

Festa della Divina Misericordia: la prima domenica dopo la Santa Pasqua.

Processione della Luce: la sera del sabato prima della domenica della Misericordia (la seconda domenica di Pasqua).

DFestà minore del Santuario: ogni venerdì. Allo stesso modo ogni 5 del mese si ringrazia Dio per S. Faustina e si chiede la sua benedizione.

Preghiera della Divina Misericordia: ogni giorno alle ore 15.

Informazioni per i visitatori:

Nel Santuario si svolge tutto il giorno l’adorazione del SS. Sacramento. Inoltre, si può seguire la trasmissione in diretta continua su internet https://www.youtube.com/watch?v=zXHPHl1-vmw

Maggiori informazioni: http://www.gailestingumas.lt/

Via Crucis di Vilnius (Calvario di Vilnius)

Significato:

Il Calvario di Vilnius, fondato nel XVII sec., attira da tempo grandi masse di fedeli. Questo luogo sacro è unico in Europa, perché è stato fondato nella capitale nel verde parco regionale di Verkiai, dove la natura si fonde con un’architettura raffinata.

Storia:

Nei paesi cattolici, quando nel Medioevo si cominciò a fondare la cosiddetta Nuova Gerusalemme o Calvario (copie del cammino delle sofferenze di Cristo a Gerusalemme, solitamente realizzate in posti in cui le colline, le valli e i torrenti ricordano il rilievo di Gerusalemme), si è iniziato a cercare dei posti così anche a Vilnius, in modo tale che i pellegrini che non avevano la possibilità di andare nella Terra Santa, potessero ripetere l’ultimo viaggio di Gesù. I dintorni boscosi di Verkiai erano particolarmente adatti a ciò. Ci sono prove che già nel XVII sec. si svolse una processione da Vilnius a Verkiai. I Domenicani di Vilnius, costruirono e consacrarono qui la Chiesa della Scoperta della Santa Croce, il monastero e 20 cappelle in muratura, tuttavia queste ultime sono state demolite dai sovietici nel XX sec. e ripristinate solo nel 2002.

Importante per i pellegrini:

Oggi il complesso del Calvario di Vilnius è costituito dalla Chiesa barocca della Scoperta della Santa Croce e da 35 stazioni del cammino della Passione. Esse si trovano tra le colline ribattezzate con i nomi di Golgota, Maria, Sion, Ulivi e il torrente Cedron. La Via Crucis è lunga 7 km.

Sull’altare della Madre di Dio Addolorata della Chiesa del Calvario di Vilnius è custodita la reliquia in legno della Santa Croce.

San Giovanni Paolo II:

Tradizioni religiose:

Festa del Calvario di Vilnius, festa della Scoperta e dell’Esaltazione della Santa Croce: dal 3 Maggio al 14 Settembre;

Festa della Pentecoste: tre giorni di festa della Pentecoste;

Via Crucis del Calvario di Vilnius: Venerdì Santo; il giorno di inizio della festa del Calvario di Vilnius; il giorno della fine della festa del Calvario di Vilnius; il secondo giorno della festa della Pentecoste

Adorazione della reliquia della Santa Croce: il 14 di ogni mese.

Informazioni per i visitatori:

La Via Crucis nel Calvario di Vilnius può essere percorsa tutto l’anno. Le preghiere nella Chiesa della Scoperta della Santa Croce si svolgono la domenica alle ore 10.30, 12, 16, il sabato alle ore 19, i giorni lavorativi alle ore 7 e alle ore 19.

Maggiori informazioni: https://vilniauskalvarijos.lt/kryziaus-kelias/

Chiesa parrocchiale di Trakai della Visitazione della SS. Vergine Maria

Birutės g. 5, Trakai

Significato:

La Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria, eretta nella penisola di Trakai, è una delle otto basiliche della Lituania. E’ famosa per il quadro della Madre di Dio Protettrice della Lituania, che racconta della profonda tradizione di percepire la Lituania come una terra sotto la protezione di Maria.

Storia:

Si ritiene che la chiesa gotica del XV sec. fu costruita dagli stessi maestri che hanno lavorato al castello di Trakai sull’isola del lago Galvė. Il fondatore della Chiesa è il gran Duca di Lituania Vytautas (nel santuario è appeso ancora oggi il suo ritratto). Dopo la ricostruzione del XVII sec. la chiesa ha assunto tratti tardo barocchi e qui sono rimasti esempi di pittura murale bizantina. Il ritratto miracoloso della Madre di Dio Protettrice della Lituania è custodito presso l’altare maggiore.

Importante per i pellegrini:

Il ritratto della Madre di Dio Protettrice della Lituania, attira da tempo più di tutto i fedeli alla Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria di Trakai.

Questo quadro, dipinto nel XV sec. è stato regalato a Vytautas il Grande dall’imperatore Bizantino in occasione del battesimo. Si tratta del primo dipinto del Sacro Trono ufficialmente incoronato con corone dorate nel Granducato di Lituania. Gli è stato insignito il titolo di Difensore dei Malati. Alcune centinaia di offerte votive attorno al dipinto testimoniano le grazie e i miracoli vissuti. La rappresentazione della Madre di Dio di Trakai è coperta dal XVIII sec. da finiture in argento dorato.

San Giovanni Paolo II:

Nel 2015 è stato consacrato un monumento a Giovanni Paolo II sul sagrato della Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria.

Tradizioni religiose:

Festa di Žolinės o festa dell’assunzione in cielo della SS. Vergine Maria: il 15 Agosto

Festa degli otto giorni di Trakai o festa della Nascita della SS. Vergine Maria: 1-8 Settembre. Durante la festa di Trakai si organizza il cammino dei pellegrini dalla Porta dell’Aurora di Vilnius a Trakai (circa 30 km) e allo stesso modo i cammini dei fedeli dalle località limitrofe.

Informazioni per i visitatori:

La basilica è aperta ogni giorno dalle ore 9 alle 18.30.

Maggiori informazioni: https://trakubaznycia.lt/

Cosa vedere a Trakai: https://www.trakai-visit.lt/category/lankytinos-vietos/

Chiesa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria di Pivašiūnai

Trakų g. 6, Pivašiūnai, Contea di Alytus

Significato:

Pivašiūnai è considerato uno dei centri di pellegrinaggio più importanti in Lituania per via del famoso ritratto delle grazie miracolose della Madre di Dio con il Bambino e delle solenni tradizioni festive.

Storia:

La chiesa di Pivašiūnai è un monumento dell’architettura classica sacra di legno lituana. L’ attuale chiesa in legno dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria è stata eretta all’inizio del XIX sec. I santuari precedenti, che si sono trovati qui per circa due secoli, sono stati distrutti da incendi. Si narra che dopo di essi è sopravvissuto solo il ritratto miracoloso della Madre di Dio, che da quel momento, più di ogni altra cosa, ha reso la chiesa famosa. Esso è custodito presso l’altare maggiore. Si può pregare vicino alla chiesa di Pivašiūnai e anche vicino alle stazioni di quercia dei misteri delle beatitudini del Rosario.

Importante per i pellegrini:

Si crede che il ritratto della Madre di Dio con il Bambino, che viene adorato a Pivašiūnai, sia equivalente per poteri miracolosi alla Madonna della Porta dell’Aurora di Vilnius. L’origine del quadro è avvolta dai segreti, anche se si ritiene che esso è stato dipinto nel XVII sec. in Lituania. Nel ritratto è raffigurata Maria che tiene il bambin Gesù sulle ginocchia. Dal XVIII sec. la loro rappresentazione è decorata con finiture in argento dorato.

San Giovanni Paolo II:

Nel 1988 papa Giovanni Paolo II ha donato le corone con cui è stato incoronato il famoso quadro. Al dipinto è stato conferito il titolo di Conforto dei Tristi.

Tradizioni religiose:

Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria – Žolinės: si festeggia per 8 giorni dal 15 al 22 Agosto.

Festa della SS. Vergine Maria del Conforto dei Tristi: ogni 15 del mese.

Informazioni per i visitatori:

La Chiesa è aperta solo durante le funzioni religiose.

Maggiori informazioni: https://www.pivasiunai.lt/

Cosa vedere ad Alytus: https://www.alytusinfo.lt/lankytinos-vietos/?module=tourism&action=ajax_get_map_markers_list&type=1&mapc=53.9917;23.4457;54.7057;24.7448

Basilica di S. Michele Arcangelo di Marijampolė e cappella del Beato Jurgis Matulaitis nella sua terra natale a Lūginė

Basilica: J. Bendoriaus g. 1, Marijampolė;
Cappella: frazione di Šunskų, villaggio di Lūginė, Comune di Marijampolė

Significato:

Marijampolė è una città che ha preso il nome dalla SS. Vergine Maria, protettrice dell’ordine mariano. I pellegrini locali e di altri paesi vanno alla basilica di S. Michele Arcangelo per pregare presso le spoglie dell’Arcivescovo Jurgis Matulaitis ivi sepolte.

Storia:

L’attuale basilica è stata eretta nel 1824 al posto della chiesa in legno costruita a metà del XVIII sec., che è stata distrutta da un incendio. Il titolo di basilica minore è stato conferito alla chiesa nel 1992. Nella basilica dai tratti neoclassici e neobarocchi, sono presenti sei altari. Nel 1934 sono stati trasferiti nella cappella del SS. Cuore di Gesù della chiesa le spoglie del Beato Arcivescovo Jurgis Matulaitis. Il Beato J. Matulaitis ha rinnovato l’ordine mariano, egli stesso ha dato i voti da monaco, ha fondato la congregazione delle Suore dell’Immacolata Concezione della SS. Vergine Maria (si possono avere maggiori informazioni sulla sua vita nel Museo del Beato Jurgis Matulaitis nel monastero mariano di Marijampolė).

Importante per i pellegrini:

Il sarcofago con le spoglie del Beato Arcivescovo Jurgis Matulaitis, l’epitaffio in granito con il suo bassorilievo, il quadro, che rappresenta il Beato a tutta altezza, la maschera postuma di gesso del Beato Jurgis Matulaitis, i suoi abiti liturgici, la copia del decreto di dichiarazione della beatificazione e addirittura la fonte battesimale in legno, presso la quale nell’Aprile 1871 è stato battezzato Jurgis Boleslovas Matulaitis. Questi oggetti, custoditi nella cappella del Beato Jurgis Matulaitis della basilica, attirano sia i pellegrini locali che stranieri a pregare presso la tomba dell’Arcivescovo famoso per la sua santa vita, a chiedere la sua benedizione e le sue grazie.

I fedeli visitano anche la cappella del Beato Jurgis Matulaitis che si trova poco distante da Marijampolė, costruita nel 1991, nel luogo della sua nascita, nel villaggio di Lūginė. È d’uso nel mese di luglio, durante la celebrazione dell’anniversario della beatificazione del Beato Jurgis Matulaitis, andare a piedi da Marijampolė alla cappella di Lūginė.

Nell’altare della basilica di S. Antonio da Padova di Marijampolė è custodito anche il quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino (di Vaizbūniškės), famoso per le grazie.

San Giovanni Paolo II:

Il 28 Giugno 1987 papa Giovanni Paolo II ha proclamato Beato, l’Arcivescovo Jurgis Matulaitis, tenendo conto delle sue virtù nonché dei ringraziamenti delle persone per le grazie e le guarigioni ricevute. Ogni anno nel mese di luglio si celebra per un’intera settimana, in maniera solenne, nella basilica di Marijampolė, l’anniversario della beatificazione del Beato Jurgis Matulaitis.

Tradizioni religiose:

Commemorazione liturgica, Festa del Beato Jurgis Matulaitis: 27 Gennaio.

Festa di S. Antonio da Padova: 13 Giugno.

Otto giorni di festa del Beato Jurgis Matulaitis (per commemorare il giorno di beatificazione del Beato): dalla domenica prima del 12 Luglio fino alla domenica successiva.

Festa di S. Michele Arcangelo, protettore principale della chiesa: 29 Settembre

Informazioni per i visitatori:

La basilica è aperta dalle ore 7 alle ore 19.

Maggiori informazioni: https://www.marijampolesbazilika.lt/

Cosa vedere a Marijampolė: https://marijampoletic.lt/en/

Basilica Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo di Kaunas

Vilnius g. 1, Kaunas

Significato:

La Basilica Cattedrale di Kaunas è una dei più grandi e antichi santuari della Lituania. Oltre a ciò è l’edificio sacro in stile gotico più grande della Lituania. È famosa per il dipinto della Madre delle Grazie.

Storia:

È noto che la chiesa di S. Pietro di Kaunas è stata fondata da Vytautas il Grande all’inizio del XV sec., successivamente è stata ricostruita più di una volta. Nel 1895 è stato conferito alla chiesa lo status di Cattedrale, nel 1921, il titolo di basilica minore mentre nel 1926, il rango di Basilica Cattedrale. L’attuale Cattedrale ha nove altari, dei quali il più recente è l’altare di Giovanni Paolo II con la reliquia del Santo Padre. Nella cripta e nel sagrato della Cattedrale sono sepolti famosi ecclesiastici, vescovi e nella cappella del SS. Sacramento è sepolto il primo cardinale della Lituania, Vincentas Sladkevičius.

Importante per i pellegrini:

I fedeli sono attratti al santuario dal dipinto della Madre di Dio Addolorata del XVI sec., famoso per le grazie e dal dipinto della SS. Vergine Maria delle Grazie del XVII sec. Il dipinto della Madre di Dio Addolorata, nel quale è raffigurata la SS. Vergine Maria, che tiene suo figlio, tolto dalla croce, è il dipinto più antico della Cattedrale. Le offerte votive lasciate dalle persone testimoniano le sue grazie.

San Giovanni Paolo II:

Il Papa ha pregato nel santuario il 6 Settembre 1993, durante il suo viaggio in Lituania (questo avvenimento è ricordato su una targa commemorativa presso l’ingresso laterale della basilica). Presso l’altare laterale della rinnovata Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo di Kaunas, si adora la reliquia del Santo Giovanni Paolo II. Nella basilica i pellegrini possono visionare anche il quadro in cui il pittore Paulius Juška ha raffigurato il Papa a tutta altezza.

Tradizioni religiose:

Festa del Trono del S. Apostolo Pietro: 22 febbraio (si sposta alla domenica più prossima).

Festa della SS. Vergine Maria Addolorata: il venerdì prima della domenica della Passione del Signore (delle Palme).

Fasta dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo: 29 Giugno.

Festa della consacrazione della Basilica Laterana: 9 Novembre.

Informazioni per i visitatori:

La Cattedrale è aperta tutti i giorni dalle ore 7 alle ore 19.

Maggiori informazioni: https://www.kaunoarkikatedra.lt/

Cosa vedere a Kaunas: https://visit.kaunas.lt/en/kaunastic/

Chiesa della Resurrezione di Cristo di Kaunas

Žemaičių g. 31A, Kaunas

Significato:

La basilica della Resurrezione di Cristo è il simbolo della libertà, della sofferenza e della resurrezione del popolo lituano. Essa è la chiesa basilicale più grande nei Paesi Baltici.

Storia:

L’architettura moderna della basilica della Resurrezione di Cristo, la torre di 70 metri perfettamente visibile da diverse parti della città, la Croce senza Crocefisso non consueta nelle chiese lituane, il quadro del Cristo Misericordioso e la copia del dipinto della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora nella cappella del SS. Sacramento e anche la cappella dedicata ad onore della SS. Vergine Maria di Šiluva, sulla terrazza che si trova sul tetto della basilica. Si è deciso di costruire questa chiesa unica ringraziando Dio per la riottenuta indipendenza della Lituania. Eretta nel 1940, poco dopo l’occupazione sovietica, si è iniziato a usarla secondo una destinazione d’uso diversa: negli spazi della chiesa è stata fondata una fabbrica di ricevitori radio. Il santuario è stato restituito ai fedeli solo nel 1990. La ristrutturazione delle Chiesa nonché i lavori di ricostruzione sono durati un decennio. Nel 2015 papa Francesco ha conferito alla Chiesa della Resurrezione di Cristo il titolo di basilica minore.

Importante per i pellegrini:

Oltre al citato ritratto di Gesù Misericordioso e delle copie del ritratto della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora, nella cappella del SS. Sacramento della basilica della Resurrezione di Cristo, i pellegrini possono pregare anche sul tetto della basilica. Qui su una terrazza attrezzata c’è la cappella della SS. Vergine Maria di Šiluva, presso il cui altare è custodita la reliquia di S. Antonio.

San Giovanni Paolo II:

Dal 2005, quando è morto papa Giovanni Paolo II, nella Chiesa della Resurrezione c’è la tradizione di commemorare solennemente l’anniversario della morte del papa Giovanni Paolo II. Oltre a questo, nella sala conferenze della Chiesa, è presente una mostra fotografica permanente “La visita di Giovanni Paolo II in Lituania”, qui si può vedere il film documentario “Giovanni Paolo II in Lituania”.

Tradizioni religiose:

Festa della Resurrezione di Cristo (Pasqua)

Festa del SS. Cuore di Gesù: si sposta alla terza domenica dopo la Pentecoste.

Festa della Nascita della SS. Vergine Maria: 8 Settembre (si sposta alla domenica più prossima)

Informazioni per i visitatori:

Si può visitare la basilica dalle ore 9 alle ore 18.30 e anche durante le funzioni religiose.

Maggiori informazioni: https://www.prisikelimas.lt/

Cosa vedere a Kaunas: https://visit.kaunas.lt/en/kaunastic/

Complesso del monastero Camaldolese di Pažaislis

T. Masiulio g. 31, Kaunas

Significato:

La Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria e il monastero Camaldolese sono uno dei più bei capolavori dell’architettura tardo-barocca del Nord-Est Europa. Essa è famosa per il miracoloso dipinto della SS. Vergine Maria, Madre di Dio dei Camaldolesi, che attira i pellegrini.

Storia:

La costruzione della chiesa di Pažaislis e del monastero, sulla Penisola della Laguna di Kaunas, fu iniziata nel XVII sec. dalla famiglia di nobili dei Pacai, del Granducato di Lituania. Essi chiamarono in aiuto artisti italiani: gli architetti italiani Giovanni Pattista Frediani e Pietro Puttini, il pittore Michelangelo Palloni e altri. Sono rimasti nel monastero più di cento vari affreschi in stile barocco italiano. Oggi il monastero è gestito dalle Suore di San Casimiro.

Importante per i pellegrini:

Nell’altare maggiore della chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria si può vedere il quadro della Graziosa Madre dell’Amore, famoso per le grazie. Esso è stato donato nel 1661 da papa Alessandro VII al fondatore della chiesa di Pažaislis. Questo è opera di un autore fiammingo sconosciuto del XVII sec. Anche la solenne festa dell’Assunzione di Maria al cielo (Žolinės), attira grandi masse di pellegrini.

Il complesso è famoso anche per l’annuale festival internazionale di musica di Pažaislis e per il complesso ricettivo “Monte Pacis” con albergo e ristorante.

San Giovanni Paolo II:

Tradizioni religiose:

Festa della Visitazione della SS. Vergine Maria da Elisabetta: 31 Maggio (si sposta alla domenica più prossima).

Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria (Žolinės): 15 Settembre.

Informazioni per i visitatori:

E’ possibile visitare il complesso martedì-venerdì dalle ore 10 alle ore 17, sabato dalle ore 10 alle ore 16. Il primo sabato di ogni mese è dedicato ai pellegrini e ai fedeli: alle ore 12 nella chiesa si celebra la S. Messa.

Maggiori informazioni: https://www.pazaislis.org/

Cosa vedere a Kaunas: https://visit.kaunas.lt/en/kaunastic/

Basilica della Nascita della SS. Vergine Maria di Šiluva, cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria e territorio tra le due

Significato:

Šiluva è uno dei centri spirituali più importanti della Lituania nonché uno dei primi luoghi di apparizione della Vergine Maria in Europa, chiamata la Lourdes della Lituania. Particolari motivi di attrazione dei pellegrini sono non solo il luogo di apparizione di Maria ma anche la tradizionale festa di Šilinės che si svolge qui da quasi 500 anni.

Storia:

È rimasta una storia scritta che narra che nel 1608, dei pastori che pascolavano il gregge, hanno visto su una grande roccia la Vergine che piangeva con il bambino tra le mani. Quando le chiesero perché piangesse, la Vergine ha risposto: “Piango perché prima, in questo luogo, era onorato mio Figlio, adesso invece si ara e si semina”. Gli abitanti si ricordarono che effettivamente prima in quel luogo si ergeva una chiesa e dopo aver scavato trovarono uno scrigno con il tesoro della chiesa di Šiluva. Allora sul luogo dell’Apparizione di Maria fu costruita una chiesa in legno e ravvivata la festa di Šilinės, conosciuta già dal XV sec. La basilica della Nascita della SS. Vergine Maria, in muratura di mattoni rossi, fu eretta nel XVIII sec. e il decoro del suo interno è rimasto invariato fino ad oggi. Nella basilica è custodito il famoso dipinto incoronato con le corone papali della SS. Vergine Maria con il Bambino.

Con l’avvicinarsi del giubileo di 300 anni dell’Apparizione di Maria, l’architetto Antanas Vivulskis ha progettato la cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria. All’interno della cappella di 44 m di altezza è presente un altare, costruito sulla roccia, sul quale nel 1608 è apparsa la SS. Vergine Maria. La basilica della Nascita della SS. Vergine Maria insieme alla cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria e la piazza presente tra di loro formano uno spazio sacro. In esso durante le festività si svolgono le principali preghiere.

Importante per i pellegrini:

Presso l’altare maggiore della basilica della Nascita della SS. Vergine Maria è custodito il miracoloso dipinto della Madre di Dio con il Bambino. Esso è stato dipinto nel XVII sec. su esempio dell’icona di Santa Maria della Neve a Roma.
Le finiture del dipinto sono realizzate dalle offerte votive donate dalle persone, per ringraziare delle grazie ricevute. Nella cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria i fedeli pregano camminando in ginocchio intorno all’altare, costruito sulla roccia, su cui apparve Maria.

Una festa particolare a Šiluva è la festa di più grande che si svolge in Lituania, a cui si può partecipare nel mese di settembre.

San Giovanni Paolo II:

Durante il suo quarto giorno di permanenza in Lituania, il 7 settembre 1993, Giovanni Paolo II ha visitato Šiluva: ha pregato nella cappella dell’Apparizione, ha baciato la roccia su cui è apparsa la Vergine Maria. Per celebrare il 15° anniversario della visita del Papa, nella piazza di Šiluva tra la basilica della Nascita della SS. Vergine Maria e la cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria, nel 2008 è stato inaugurato un monumento al Santo Padre.

A Šiluva ci sono anche altri segni memoriali della visita di Giovanni Paolo II: nel museo di Šiluva è custodito il rosario d’oro che ha donato; la via della cittadina di Šiluva che passa lungo la piazza attraverso la Basilica e la cappella dell’Apparizione, è stata denominata su decisione del municipio di Raseiniai, con il nome di Giovanni Paolo II; anche la casa dei pellegrini di Giovanni Paolo II, fondata a Šiluva, ricorda il Santo Padre; nella piazzetta in cui è atterrato con l’elicottero è stata costruita una croce.

Tradizioni religiose:

Festa di Šilinės o della Nascita della SS. Vergine Maria: 8-15 Settembre.

Festa della Visitazione della SS. Vergine Maria: 31 Maggio (si sposta alla domenica più prossima).

Festa del SS. Cuore di Gesù: si sposta alla terza domenica dopo la Pentecoste.

Giorno di Maria: ogni 13 del mese.

Informazioni per i visitatori:

Nei mesi di Maggio-Ottobre la basilica e la cappella sono aperte dalle ore 8 alle ore 20, nei mesi di Novembre-Aprile dalle ore 8 alle ore 15.

Maggiori informazioni: http://siluva.lt/

Cosa vedere a Raseiniai: https://atraskraseinius.lt/

Complesso della Chiesa e del monastero di Tytuvėnai

Maironio g. 2A, Tytuvėnai, distretto di Kelmė

Significato:

Uno dei più preziosi e grandi monumenti di architettura sacra in Lituania del XVII-XVIII sec., che i pellegrini del mondo hanno già scoperto, per via del quadro della Madre di Dio con il Bambino, famoso per le grazie, della cappella delle Scale dei Santi nonché delle tradizioni festive.

Storia:

La storia del complesso della chiesa e del monastero di Tytuvėnai è connessa con l‘arrivo dei monaci Bernardini all‘inizio del XVII sec.: essi hanno costruito il monastero e nel 1635 hanno consacrato la chiesa della SS. Vergine Maria Regina degli Angeli. In seguito nel santuario della chiesa è stata eretta la cappella delle scale di Cristo, o dei Santi, con l‘altare di Gesù Cristo Crocifisso e la galleria delle stazioni della Via Crucis. Con 39 stazioni, è la Via Crucis più grande in Lituania in base al numero delle stazioni. Il complesso del monastero, iniziato con uno spirito gotico, è avvolto da dettagli in stile rinascimentale, tuttavia il più grande omaggio è stato reso all‘architettura barocca.

Importante per i pellegrini:

Presso l‘altare principale della chiesa, dal XVII sec. è venerato il quadro della Madre di Dio con il Bambino, famoso per le grazie. Dopo che furono costruite le stazioni della Via Crucis e la cappella delle scale di Cristo, o dei Santi, nel XVIII sec., i fedeli si recavano a Tytuvėnai non solo per chiedere la benedizione della Madre di Dio ma anche per percorrere la Via Crucis con le scale Sante. Esiste la tradizione di salire la scala in ginocchio e baciare le sacre reliquie, protette da vetro, su ogni scalino: la Terra Santa portata da Gerusalemme. Ogni anno, l‘ultima domenica di Agosto, i pellegrini vanno da Tytuvėnai a Šiluva.

San Giovanni Paolo II:

Tradizioni religiose:

Festa di S.Antonio: il 13 Giugno (si sposta alla domenica).

Festa della Visitazione della SS. Vergine Maria: la prima domenica di Luglio.

Festa dela SS. Vergine Maria Regina degli Angeli (Porziuncula): la prima domenica di Agosto.

Pellegrinaggio da Tytuvėnai a Šiluva con la statua della Madonna di Fatima: l‘ultima domenica di Agosto.

Informazioni per i visitatori:

Maggiori informazioni: https://www.tytuvenubaznycia.lt/; http://www.infotytuvenai.lt/index.php/lt/

Cosa vedere a Kelmė: http://www.kelmevic.lt/

Chiesa di Maria Regina della Pace di Klaipėda

Rumpiškės g. 6, Klaipėda

Significato:

Questa è l‘unica chiesa cattolica sia in Lituania che nei Paesi Baltici, costruita nel periodo sovietico, quando nel paese prevalevano misure repressive per impedire la tutela della fede cattolica.

Storia:

Il santuario, costruito tra il 1957 e il 1960, doveva colmare la carenza di luoghi di culto cattolici nella città portuale, quasi tutti distrutti durante la seconda Guerra Mondiale. Purtroppo, i sovietici non permisero l‘apertura della chiesa costruita: iniziarono a demolirla e a devastarla. La chiesa fu restituita ai fedeli solo nel 1988. È possibile conoscere maggiori informazioni riguardo alla storia della chiesa, dalle foto d‘archivio, nella torre campanaria della chiesa, salendo sul belvedere che si trova a quasi 47 m di altezza.

Importante per i pellegrini:

San Giovanni Paolo II:

Tradizioni religiose:

Festa della SS. Vergine Maria Regina: il 22 Agosto (si sposta alla domenica).

Festa di S. Giovanni Battista: il 24 Giugno.

Festa della SS. Teresa di Gesù Bambino: il 1° Ottobre (si sposta alla domenica).

Informazioni per i visitatori:

Maggiori informazioni: https://taikoskaraliene.lt/

Cosa vedere a Klaipėda: https://klaipedatravel.lt/en/

Basilica della Visitazione della SS. Vergine Maria e cappelle della Via Crucis del Calvario di Samogizia

Vienuolyno g. 1A, Calvario di Samogizia, distretto di Plungė

Significato:

Questo è un centro di pellegrinaggio della Lituania Occidentale, famoso per il miracoloso quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino, Regina delle Famiglie Cristiane, per le autentiche tradizioni della Collina delle Croci nonché per le grandi feste del Calvario.

Storia:

Per decisione del Granduca di Lituania Vytautas, dal XV sec. la terra di Gardai (ora Calvario di Samogizia) apparteneva ai possedimenti del maniero vescovile della diocesi di Samogizia. Il vescovo Jurgis Tiškevičius nel 1637 ha invitato i dominicani a venire qui. Su loro iniziativa, nel 1639, per la prima volta fu istituita a cielo aperto la Via Crucis nel territorio del Granducato di Lituania, furono costruite le cappelle delle stazioni del cammino della Passione di Cristo, da cui deriva il nome del luogo del Calvario di Samogizia, e si iniziò a celebrare le feste. Dalla metà del XVI sec., iniziò a diventare famosa per le grazie il quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino, portato da Roma. Con l‘aumentare del numero dei fedeli, che volevano pregare presso il Quadro Miracoloso e partecipare alle feste, nel 1824 venne consacrata una nuova chiesa in muratura, al posto di quelle in legno che c‘erano precedentemente. Nel 1988 alla chiesa è stato conferito il rango di Basilica.

Importante per i pellegrini:

Si consiglia di iniziare la visita al Calvario di Samogizia da una preghiera presso il quadro della Madre di Dio, famoso per i miracoli, che si trova nella basilica della Visitazione da Elisabetta della SS. Vergine Maria. Nel 2006 è stato incoronato con corone consacrate da papa Benedetto XVI e gli è stato conferito il titolo di Regina delle Famiglie Cristiane. Qui tradizionalmente i pellegrini iniziano e finiscono di percorrere la Via Crucis. Il cammino della Passione del Calvario di Samogizia, che si estende per 4,5 chilometri, è formato da 19 cappelle di architettura popolare con 20 stazioni. Se si cantano tutti gli inni e se vengono pronunciati i sermoni in tre posti, la processione della Via Crucis dura circa 3 ore.

Nella chiesa e nelle cappelle sono conservate anche altre reliquie importanti per i fedeli: la reliquia della S. Croce più grande nei Paesi Baltici, un pezzetto di legno dal Monte degli Ulivi a Gerusalemme, una copia del chiodo di Cristo portata da Roma, un piccolo sasso dal Monte Golgota a Gerusalemme, la fotocopia della Sindone di Torino – lenzuolo funebre di Cristo.

San Giovanni Paolo II:

Papa Giovanni Paolo II considerava il Calvario di Samogizia uno dei luoghi della Lituania in cui era particolarmente venerata la Santissima Vergine, Madre di Misericordia. Nel 1988 il Santo Padre ha conferito alla chiesa del Calvario di Samogizia il rango di Basilica e ha iniziato il processo di incoronazione con corone papali del miracoloso quadro della Madre di Dio con il Bambino del Calvario di Samogizia.

Tradizioni religiose:

Festa maggiore del Calvario di Samogizia, o della Visitazione da Elisabetta della SS. Vergine Maria: 2-12 Luglio.

Festa mensile: ogni 2 del mese.

Le colline della Via Crucis si percorrono in comunità durante le feste mensili, dopo la S. Messa delle ore 12 e durante la Festa maggiore, dopo ogni S. Messa (la processione principale è dopo la S. Messa con la reliquia della S. Croce delle ore 12).

Informazioni per i visitatori:

La basilica è aperta d‘estate dalle ore 9 alle 20, d‘inverno un’ora prima della S. Messa, il sabato e la domenica dalle ore 9 alle 13.

Maggiori informazioni: https://www.zemaiciukalvarija.lt/

Cosa vedere a Plungė: https://www.visitplunge.lt/plunges-tic/

Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo

Aušros takas 3, Šiauliai

Significato:

La Cattedrale di Šiauliai è il luogo di partenza del pellegrinaggio alla Collina delle Croci.

Storia:

La chiesa in muratura è stata eretta a Šiauliai nel XVII sec. al posto delle chiese in legno che si trovavano in quel luogo precedentemente. Il santuario è stato gravemente danneggiato da guerre e tempeste; gli altari che sono bruciati dopo la seconda Guerra Mondiale sono stati ricostruiti solo nel 7°decennio del XX sec. I tratti distintivi della chiesa dall’architettura rinascimentale sono: la torre campanaria di 70 m di altezza, che si erge sopra la città, l’orologio solare sulla parete meridionale nonché l’unica porta di un santuario in Lituania con torrette difensive e aperture di tiro.

Importante per i pellegrini:

I pellegrini iniziano il cammino di 12 km a piedi verso la collina delle Croci proprio dalla Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo di Šiauliai. Grandi masse di fedeli sono attratte qui ogni anno, il mese di luglio, dall’inizio della celebrazione della festa della Collina delle Croci e dal pellegrinaggio verso la Collina delle Croci, condotto dal vescovo della Cattedrale di Šiauliai. I credenti portano le croci alla Collina delle Croci dalla Cattedrale anche in altri momenti, solitamente da primavera fino a metà autunno.

Nella Cattedrale di Šiauliai è venerato in particolar modo il quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino.

San Giovanni Paolo II:

L’8 Maggio 1997 su decisione di papa Giovanni Paolo II fu fondata la diocesi di Šiauliai e la chiesa è diventata la Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo. Nella cappella della Misericordia sono custodite le reliquie di Giovanni Paolo II.

Tradizioni religiose:

Festa della Discesa dello Spirito Santo – Pentecoste: il sabato e la domenica della Pentecoste.

Festa dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo: il 29 Giugno (si sposta alla domenica più prossima).

Informazioni per i visitatori. La Cattedrale è aperta tutti i giorni dalle ore 7 alle 19.

Informazioni per i visitatori:

Maggiori informazioni: https://siauliukatedra.lt/

Cosa vedere a Šiauliai: https://www.visitsiauliai.lt/

Chiesa di S. Ignazio di Loyola di Šiauliai

Vilniaus g. 247B, Šiauliai

Significato:

Storia:

I gesuiti arrivati a Šiauliai nel 1930 iniziarono la costruzione della chiesa. Purtroppo, durante il periodo sovietico fu chiusa, utilizzata con una destinazione d’uso diversa e solo nel 1990 restituita ai credenti.

Importante per i pellegrini:

San Giovanni Paolo II:

Durante la visita in Lituania, il 7 Settembre 1993, papa Giovanni Paolo II ha pregato e si è riposato nella chiesa di S. Ignazio da Loyola di Šiauliai. Egli ha benedetto non solo la chiesa ma anche la futura scuola: in questo momento vicino alla chiesa è operativa una scuola elementare cattolica gesuita.

Nel santuario della chiesa è presente un monumento a papa Giovanni Paolo II di 3 m di altezza. L’opera dello scultore Mindaugas Junčys è stata regalata alla chiesa da una famiglia di Šiauliai. Non permette ai credenti di dimenticare la visita del Papa, l’evento miracoloso che accadde: il papa, mentre era in ginocchio nella chiesa di S. Ignazio di Loyola, si sporcò di vernice e sulla scultura della chiesa costruita più tardi fu notata una macchia rossa: era proprio nel punto in cui il Papa si sporcò.

Tradizioni religiose:

Ogni giovedì, dopo la S. Messa della sera, si organizza in chiesa l’adorazione del SS. Sacramento. Il primo venerdì del mese si svolge una serata di preghiera e di veglia insieme all’associazione nazionale degli esorcisti.

Informazioni per i visitatori:

Il santuario è aperto tutto il giorno (24 ore su 24).

Maggiori informazioni: https://www.facebook.com/sv.ignacas

Cosa vedere a Šiauliai: https://www.visitsiauliai.lt/

Collina delle Croci

Piliakalnio g. 7, villaggio di Domantai, frazione di Meškuičiai, distretto di Šiauliai

Significato:

Collina con circa 200 croci: unico luogo sacro del genere in tutto il mondo, che testimonia una tradizione religiosa e una devozione dei fedeli unica.

Storia:

Sulla collina di Jurgaičiai (anche chiamata di Domantai, Collina Santa o Collina del Castello), nell’ XI-XIV sec. si ergeva un castello di legno mentre dal XIX sec. la collina era già chiamata, nelle fonti scritte, Collina delle Croci: su di essa nel 1850 c’erano 20 croci, dopo circa un secolo, già circa 400. Secondo le storie di alcuni, questa tradizione nacque dopo miracolose guarigioni avvenute dopo che le croci venivano lasciate in questo posto e le persone pregavano Dio per la salute, secondo altri, si iniziarono a piantare le croci per ricordare la memoria dei morti nella rivolta del 1863. Nel periodo tra le due guerre, si iniziarono a celebrare le feste sulla Collina delle Croci e l’usanza di piantare le croci qui mentre si pregano le grazie di Dio non fu cancellata neanche dai sovietici durante l’occupazione. Dopo che la Lituania riconquistò l’indipendenza, la Collina delle Croci divenne un luogo di pellegrinaggio mondiale. La visita di papa Giovanni Paolo II lo rese particolarmente famoso.

Importante per i pellegrini:

Il 20 Luglio 1997 il primo vescovo di Šiauliai Eugenijus Bartulis rinnovò la festa della Collina delle Croci: essa si festeggia l’ultima domenica di luglio. Ogni anno si svolgono pellegrinaggi, sia grandi che piccoli, dalla Collina delle Croci e verso di essa. Ringraziando o pregando qualcosa in questo luogo sacro, i fedeli lasciano croci, piccole cappelle votive, quadri, rosari e altro.

San Giovanni Paolo II:

Il 7 Settembre 1993, papa Giovanni Paolo II ha pregato e ha celebrato la S. Messa sulla Collina delle Croci. Per sua iniziativa è stato costruito un monastero francescano vicino alla Collina delle Croci.

I pellegrinaggi di solito partono e terminano dal crocifisso inviato dallo stesso Giovanni Paolo II che si trova sulla Collina delle Croci.

Tradizioni religiose:

Festa della Collina delle Croci: l’ultima domenica di Luglio.

Pellegrinaggio dalla Cattedrale di Šiauliai alla Collina delle Croci: l’ultima domenica di Luglio.

Pellegrinaggio dalla Collina delle Croci a Šiluvą: il primo fine settimana di Settembre.

Informazioni per i visitatori:

Si può visitare la Collina delle Croci in qualsiasi momento della giornata (24 ore su 24) o dell’anno.

Maggiori informazioni: https://www.kryziukalnas.lt/piligrimams/infocentras/

Cosa vedere a Šiauliai: https://www.visitsiauliai.lt/

Chiesa del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis

Nepriklausomybės a. 1, Rokiškis

Significato:

La chiesa del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis è uno dei più bei complessi di architettura neogotica in Lituania. In esso si adora in particolare la Vergine Maria.

Storia:

La chiesa neogotica del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis è stata costruita nel 1877. Il suo fondatore è stato il conte di Rokiškis Reinhold Tyzenhaus. La chiesa si distingue per la lussuosa decorazione: l’altare maggiore è stato realizzato in bronzo a Parigi (Francia), il pulpito in rovere e gli altari laterali a Louvain (Belgio), le vetrate delle finestre a Vienna (Austria). La torre campanaria della chiesa è stata progettata dall’architetto Georgas Verneris secondo l’esempio della Cattedrale di S. Stefano a Vienna.

È interessante che nella chiesa del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis sia custodita e utilizzata la copia del tamburo, che l’atamano del Granducato di Lituania Mykolas Kazimieras Pacas portò come trofeo dalla battaglia di Chocim vinta nel 1673 e regalò alla chiesa di S. Pietro e Paolo a Vilnius. Questo tamburo di ottone di 130 centimetri di diametro, rivestito in pelle, fu regalato alla chiesa da R. Tyzenhaus.

Importante per i pellegrini:

La chiesa di Rokiškis si distingue per la tradizione religiosa della SS. Vergine Maria: ogni anno, nel mese di Agosto, qui si celebra solennemente la festa dell’ Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria; presso l’altare laterale della chiesa c’è Maria, Regina del Rosario; presso l’altare del cuore di Gesù, la raffigurazione della Madre di Dio Addolorata e nella cappella sotterranea c’è il quadro in mosaico di Maria della Porta dell’Aurora.

Durante la Pasqua, nella chiesa si svolge un’interessante tradizione di percussioni: il Venerdì Santo e la sera del Sabato Santo, si suona il tamburo prima della messa. La mattina di Pasqua, Domenica, fino alla messa e mentre viene cantato l’inno d’onore., suonano sia l’organo, che le campane, che il tamburo.

San Giovanni Paolo II:

Tradizioni religiose:

Festa del SS. Cuore di Gesù: il terzo venerdì dopo la Pentecoste.

Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria: il 15 Agosto.

Festa del S. Apostolo Evangelista Matteo: il 21 Settembre (si sposta alla domenica più prossima).

Informazioni per i visitatori:

La chiesa è aperta ogni giorno dalle ore 13 alle 17 e durante la S. Messa.

Maggiori informazioni: http://www.rokiskioparapija.lt/

Cosa vedere a Rokiškis: https://www.rokiskiotic.lt/en/

Basilica dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria di Krekenava

Bažnyčios g. 19, Krekenava, distretto di Panevėžys

Significato:

Questa è l’unico santuario sussidiario alla basilica di S. Maria Maggiore di Roma in Lituania. In esso, per secoli, è stato adorato il miracoloso quadro della Madre di Dio con il Bambino. Il santuario è famoso anche per la festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria – Žolinės.

Storia:

La chiesa di Krekenava è la più giovane basilica in Lituania. Papa Benedetto XVI le ha conferito il titolo di Basilica minore nel 2011. Si crede che la storia del cattolicesimo di Krekenava iniziò nel XIV sec., quando da Cracovia fu portato il quadro miracoloso della SS. Vergine Maria con il Bambino tra le braccia. All’inizio, esso era adorato in una chiesa di legno, successivamente in una in muratura, costruita nel 1901. Il quadro della SS. Vergine Maria è coperto, lontano dalle festività, con un quadro dipinto da Romanas Švoinickis “Cristo tra gli abitanti Krekenava”, per il quale hanno posato anche gli abitanti locali di Krekenava.

Importante per i pellegrini:

Dall’antichità i pellegrini, mentre visitano il quadro miracoloso della Vergine Maria Madre di Dio di Krekenava, che si trova presso l’altare maggiore, camminano in ginocchio intorno all’altare, affinché le loro preghiere siano ascoltate.

Inoltre, i fedeli sono attratti a Krekenava non solo dalla festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria (Žolinės) ma anche da quella di Antonio da Padova. Presso l’altare laterale della basilica si prega verso il quadro che si distingue anch’esso per i poteri miracolosi di S. Antonio da Padova.

San Giovanni Paolo II:

Il Santo Padre menzionava spesso Krekenava come uno dei santuari di Maria più famosi in Lituania. Nel 1999 papa Giovanni Paolo II ha conferito l’indulgenza universale ai fedeli che visitano il santuario di Krekenava durante gli otto giorni della festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Mari (Žolinės), il 15 di qualsiasi mese e durante la festa di S. Antonio da Padova. Nell’altare laterale della basilica si può visionare il ritratto del S. Papa Giovanni Paolo II dipinto dall’artista Aušra Ratkevičienė, inaugurato nel 2014.

Tradizioni religiose:

Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria, Žolinės: il 15 Agosto.

Festa mensile: ogni 15 del mese.

SS. Vergine Maria, Genitrice di Dio (Anno Nuovo): il 1 Gennaio.

Festa di S. Antonio da Padova: il 13 Giugno (si sposta alla domenica più prossima).

Festa della SS. Vergine Maria della Neve: il 5 Agosto.

Festa della Nascita della SS. Vergine Maria: l’8 Settembre.

Festa dell’Immacolata Concezione della SS. Vergine Maria: l’8 Dicembre.

Informazioni per i visitatori:

La Basilica è aperta ogni giorno dalle ore 8 alle 17. Nota: poiché sono in corso i lavori di ristrutturazione della basilica, tutte le funzioni religiose si svolgono nella casa parrocchiale.

Maggiori informazioni: https://www.krekenavosbazilika.lt/

Cosa vedere nel distretto di Panevėžys: https://www.panevezysinfo.lt/

  • Cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao di Vilnius

    Significato:

    La Cattedrale di Vilnius è il santuario cattolico più importante di tutto il Paese e il simbolo della cristianizzazione della Lituania.

    Storia:

    La prima Cattedrale è sorta a metà del XIII sec. al posto di un ex tempio pagano ma a causa di frequenti incendi è stata ricostruita più di una volta. La Cattedrale, come la vediamo oggi, è stata ricostruita nel XVIII sec. su progetto dell’architetto Laurynas Stuoka-Gucevičius. Il santuario è in stile neoclassico ma nelle sue mura si nascondono anche elementi gotici, rinascimentali e barocchi. Il campanile della Cattedrale è situato nella torre di cinta muraria che un tempo circondava la città.

    Importante per i pellegrini:

    Nella Cattedrale si può visionare uno degli esempi di maggiore valore del primo barocco in Lituania: la cappella di Casimiro, dove è custodita la bara con le spoglie di S. Casimiro, l’unico santo proveniente dalla Lituania e il primo patrono della Lituania. Nella cappella di Goštautai si onora il quadro della SS. Vergine Maria (Madonna di Sapiegos) famoso da tempo per i miracoli. Questo è uno dei primi ritratti di Maria incoronata con le corone papali in Europa (1750). Nei sotterranei della Cattedrale sono rimaste le murature del XIII-XV sec. e l’affresco del XIV sec. più antico della Lituania, nel quale è rappresentata la crocifissione di Cristo.

    I sotterranei del Santuario sono stati il luogo di sepoltura delle persone meritevoli della Chiesa e del Granducato di Lituania. Qui riposano in pace il granduca di Lituania e il re di Polonia Alessandro, i resti delle mogli di Sigmondo Augusto, Elisabetta e Barbara Radvilaitė, l’urna con il cuore del duca Ladislao, la cripta dei Vescovi allestita sotto la cappella del SS. Sacramento, nella quale per secoli furono sepolti i vescovi di Vilnius.

    San Giovanni Paolo II:

    Proprio con una preghiera nella Cattedrale di Vilnius, il 4 Settembre 1993, il Santo Padre Giovanni Paolo II ha iniziato il proprio storico viaggio apostolico attraverso la Lituania. Nel Santuario egli ha incontrato i sacerdoti, monaci e il clero di tutta la Lituania, ha pregato davanti al sarcofago di S. Casimiro. Per ricordare questa visita storica, nella Cattedrale di Vilnius è fissata una lastra di marmo con un’iscrizione commemorativa.

    Tradizioni religiose:

    Festa di S. Casimiro. Ogni anno, il 4 marzo si festeggia il giorno di S. Casimiro, nella Cattedrale di Vilnius si celebra la Santa Messa, in tutta la città prende vita la tradizionale fiera di S. Casimiro, il cui simbolo è la tradizionale palma lituana di Pasqua (in lituano verba).

    Festa minore di S. Casimiro. Ogni 4 del mese, alle ore 12.30: Santa Messa nella cappella di S. Casimiro.

    Informazioni per i visitatori:

    la Cattedrale di Vilnius è aperta ogni giorno dalle ore 7.00 alle 19.00. Le escursioni nella Cattedrale possono essere svolte solo quando non sono in corso le funzioni religiose. Coloro che desiderano visitare i sotterranei della Cattedrale devono rivolgersi al Museo del patrimonio ecclesiastico (www.bpmuziejus.lt )

  • Cappella della SS. Vergine Maria, Madre di Misericordia, denominata Porta dell’Aurora, e Chiesa di S. Teresa, a Vilnius

    Significato:

    La Porta dell’Aurora è un simbolo della città. Il miracoloso quadro della Santissima Vergine Maria Madre di Misericordia, appeso nella cappella della Porta dell’Aurora è ritenuto una delle opere pittoriche del Rinascimento più famose della Lituania. Esso è anche denominato “Madonna della Porta dell’Aurora” o “Madonna di Vilnius”. La Porta dell’Aurora appartiene alla rete Europea dei santuari di Maria, che riunisce in tutto 20 santuari.

    Storia:

    Nel XVI sec. la città di Vilnius fu circondata da un muro difensivo con dieci porte. La Porta dell’Aurora, menzionata per la prima volta nel 1514, era inizialmente chiamata la Porta di Medininkai. La rappresentazione della Santa Vergine Maria era appesa in una nicchia vicino a questa porta, solamente più tardi fu trasferita in una cappella di legno e quando questa bruciò, in una di muratura. La cappella ha acquisito l’aspetto in stile tardo neoclassico dopo la ricostruzione del XIX sec. La facciata della cappella ricorda un arco di trionfo.

    La Chiesa di Santa Teresa d’Avila, nelle vicinanze della Porta dell’Aurora, è stata costruita a metà del XVII sec. dai Carmelitani scalzi. La Chiesa è collegata al monastero. Affreschi con le scene della vita di S. Teresa decorano i muri e le volte della Chiesa, l’altare maggiore è decorato dal ritratto del XVIII sec. “Trafittura del cuore di S. Teresa”. La Chiesa di S. Teresa è uno dei più perfetti monumenti del primo barocco di Vilnius.

    Importante per i pellegrini:

    Al centro dell’altare della cappella è custodito il quadro della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia, che si ritiene essere stato dipinto nel XVII sec. in base all’opera del pittore Olandese Maarten de Vos . Secondo un’antica tradizione Lituana e Polacca, il ritratto è stato coperto con finiture in argento dorato. Le grazie della Madre di Misericordia sono testimoniate dai segni di riconoscimento offerti dai fedeli: offerte votive che sono sopravvisute a testimonianza dei miracoli avvenuti.

    San Giovanni Paolo II:

    Durante la visita in Lituania, papa Giovanni Paolo II, il 4 Settembre 1993 ha recitato il rosario insieme ai fedeli provenienti da tutta la Lituania e dall’estero presso la Porta dell’Aurora e prima della preghiera ha ricordato che nel Vaticano c’è una cappella lituana, che è adornata da un ritratto uguale a quello qui presente.

    Tradizioni religiose:

    Festa minore della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora: nella Chiesa di S.Teresa, ogni 16 del mese.

    Festa di S.Teresa d’Avila protettrice della Chiesa: viene festeggiata il 15 Ottobre.

    Festa maggiore della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora: viene festeggiata per otto giorni durante la settimana in cui capita il 16 Novembre.

    Informazioni per i visitatori:

    La cappella della Porta dell’Aurora è aperta ogni giorno ore 7.00-19.00.

  • Santuario della Divina Misericordia di Vilnius (Chiesa della SS. Trinità)

    Significato:

    Il Santuario della Divina Misericordia è uno dei centri di attrazione più grandi dei fedeli della capitale della Lituania nonché dei pellegrini di tutto il mondo. Qui è custodita la rappresentazione di Gesù Misericordioso, famosa per le sue grazie, dipinta in base alle visioni di Suor Faustina.

    Storia:

    Il Santuario gotico, eretto nel XV sec., fu trasformato in Chiesa Ortodossa dopo alcune centinaia di anni, nel 1920 fu restituito nuovamente ai Cattolici. Nel 1946-1947 ha lavorato alla Chiesa Mykolas Sopočka, sacerdote confessore di Suor Faustina, arrivato al convento di suore della Madre di Misericordia a Vilnius dalla Polonia. Proprio a lui Suor Faustina raccontava delle apparizioni di Gesù che le si manifestavano, in base alle quali successivamente fu dipinto il quadro della Divina Misericordia. Nel 1947 i sovietici chiusero di nuovo la Chiesa e utilizzarono i suoi spazi non una destinazione d’uso diversa. Solo nel 2004 la Chiesa è stata restaura e consacrata e le è stato conferito il titolo di santuario della Divina Misericordia.

    Importante per i pellegrini:

    Al centro del Santuario, sopra l’altare si trova il quadro miracoloso originale di Gesù Misericordioso dipinto dall’artista Eugenijus Kazimirovskis. Esso è stato realizzato nel 1934 in base alle visioni di Suor Faustina Kovalska. Nel dipinto è rappresentato Gesù vestito di bianco, che benedice le persone con la mano destra mentre con la sinistra tocca il cuore da cui vengono emessi dei raggi biancastri e rossi. Essi simboleggiano i sacramenti e le grazie che attendono coloro che pregheranno davanti a questo dipinto e si fideranno della Divina Misericordia.

    Un po’ più lontano dal centro di Vilnius si può visitare anche la rimasta casa di S. Faustina, nella quale ella ha avuto le visioni e le ha descritte nel proprio diario. Ogni giorno alle ore 15 si recita la preghiera della Misericordia: la preghiera dettata alla Suora da Gesù apparsole. Questo luogo è inserito nell’itinerario di pellegrinaggio “Cammino della Misericordia”, di Vilnius, denominata città della Misericordia.

    San Giovanni Paolo II:

    Il 5 Settembre, mentre visitava Vilnius, il Santo Padre ha pregato presso l’immagine del Gesù Misericordioso (in quel momento si trovava nella chiesa dello Spirito Santo). Nel 2000 Giovanni Paolo II proclamò Suor Faustina la prima santa dell’appena iniziato terzo millennio.

    Tradizioni religiose:

    Settimana della Divina Misericordia: viene festeggiata dal secondo giorno di Pasqua fino alla festa della Divina Misericordia.

    Festa della Divina Misericordia: la prima domenica dopo la Santa Pasqua.

    Processione della Luce: la sera del sabato prima della domenica della Misericordia (la seconda domenica di Pasqua).

    DFestà minore del Santuario: ogni venerdì. Allo stesso modo ogni 5 del mese si ringrazia Dio per S. Faustina e si chiede la sua benedizione.

    Preghiera della Divina Misericordia: ogni giorno alle ore 15.

    Informazioni per i visitatori:

    Nel Santuario si svolge tutto il giorno l’adorazione del SS. Sacramento. Inoltre, si può seguire la trasmissione in diretta continua su internet https://www.youtube.com/watch?v=zXHPHl1-vmw

  • Via Crucis di Vilnius (Calvario di Vilnius)

    Significato:

    Il Calvario di Vilnius, fondato nel XVII sec., attira da tempo grandi masse di fedeli. Questo luogo sacro è unico in Europa, perché è stato fondato nella capitale nel verde parco regionale di Verkiai, dove la natura si fonde con un’architettura raffinata.

    Storia:

    Nei paesi cattolici, quando nel Medioevo si cominciò a fondare la cosiddetta Nuova Gerusalemme o Calvario (copie del cammino delle sofferenze di Cristo a Gerusalemme, solitamente realizzate in posti in cui le colline, le valli e i torrenti ricordano il rilievo di Gerusalemme), si è iniziato a cercare dei posti così anche a Vilnius, in modo tale che i pellegrini che non avevano la possibilità di andare nella Terra Santa, potessero ripetere l’ultimo viaggio di Gesù. I dintorni boscosi di Verkiai erano particolarmente adatti a ciò. Ci sono prove che già nel XVII sec. si svolse una processione da Vilnius a Verkiai. I Domenicani di Vilnius, costruirono e consacrarono qui la Chiesa della Scoperta della Santa Croce, il monastero e 20 cappelle in muratura, tuttavia queste ultime sono state demolite dai sovietici nel XX sec. e ripristinate solo nel 2002.

    Importante per i pellegrini:

    Oggi il complesso del Calvario di Vilnius è costituito dalla Chiesa barocca della Scoperta della Santa Croce e da 35 stazioni del cammino della Passione. Esse si trovano tra le colline ribattezzate con i nomi di Golgota, Maria, Sion, Ulivi e il torrente Cedron. La Via Crucis è lunga 7 km.

    Sull’altare della Madre di Dio Addolorata della Chiesa del Calvario di Vilnius è custodita la reliquia in legno della Santa Croce.

    San Giovanni Paolo II:

    Tradizioni religiose:

    Festa del Calvario di Vilnius, festa della Scoperta e dell’Esaltazione della Santa Croce: dal 3 Maggio al 14 Settembre;

    Festa della Pentecoste: tre giorni di festa della Pentecoste;

    Via Crucis del Calvario di Vilnius: Venerdì Santo; il giorno di inizio della festa del Calvario di Vilnius; il giorno della fine della festa del Calvario di Vilnius; il secondo giorno della festa della Pentecoste

    Adorazione della reliquia della Santa Croce: il 14 di ogni mese.

    Informazioni per i visitatori:

    La Via Crucis nel Calvario di Vilnius può essere percorsa tutto l’anno. Le preghiere nella Chiesa della Scoperta della Santa Croce si svolgono la domenica alle ore 10.30, 12, 16, il sabato alle ore 19, i giorni lavorativi alle ore 7 e alle ore 19.

  • Chiesa parrocchiale di Trakai della Visitazione della SS. Vergine Maria

    Significato:

    La Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria, eretta nella penisola di Trakai, è una delle otto basiliche della Lituania. E’ famosa per il quadro della Madre di Dio Protettrice della Lituania, che racconta della profonda tradizione di percepire la Lituania come una terra sotto la protezione di Maria.

    Storia:

    Si ritiene che la chiesa gotica del XV sec. fu costruita dagli stessi maestri che hanno lavorato al castello di Trakai sull’isola del lago Galvė. Il fondatore della Chiesa è il gran Duca di Lituania Vytautas (nel santuario è appeso ancora oggi il suo ritratto). Dopo la ricostruzione del XVII sec. la chiesa ha assunto tratti tardo barocchi e qui sono rimasti esempi di pittura murale bizantina. Il ritratto miracoloso della Madre di Dio Protettrice della Lituania è custodito presso l’altare maggiore.

    Importante per i pellegrini:

    Il ritratto della Madre di Dio Protettrice della Lituania, attira da tempo più di tutto i fedeli alla Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria di Trakai.

    Questo quadro, dipinto nel XV sec. è stato regalato a Vytautas il Grande dall’imperatore Bizantino in occasione del battesimo. Si tratta del primo dipinto del Sacro Trono ufficialmente incoronato con corone dorate nel Granducato di Lituania. Gli è stato insignito il titolo di Difensore dei Malati. Alcune centinaia di offerte votive attorno al dipinto testimoniano le grazie e i miracoli vissuti. La rappresentazione della Madre di Dio di Trakai è coperta dal XVIII sec. da finiture in argento dorato.

    San Giovanni Paolo II:

    Nel 2015 è stato consacrato un monumento a Giovanni Paolo II sul sagrato della Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria.

    Tradizioni religiose:

    Festa di Žolinės o festa dell’assunzione in cielo della SS. Vergine Maria: il 15 Agosto

    Festa degli otto giorni di Trakai o festa della Nascita della SS. Vergine Maria: 1-8 Settembre. Durante la festa di Trakai si organizza il cammino dei pellegrini dalla Porta dell’Aurora di Vilnius a Trakai (circa 30 km) e allo stesso modo i cammini dei fedeli dalle località limitrofe.

    Informazioni per i visitatori:

    La basilica è aperta ogni giorno dalle ore 9 alle 18.30.

    Cosa vedere a Trakai: https://www.trakai-visit.lt/category/lankytinos-vietos/

  • Chiesa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria di Pivašiūnai

    Significato:

    Pivašiūnai è considerato uno dei centri di pellegrinaggio più importanti in Lituania per via del famoso ritratto delle grazie miracolose della Madre di Dio con il Bambino e delle solenni tradizioni festive.

    Storia:

    La chiesa di Pivašiūnai è un monumento dell’architettura classica sacra di legno lituana. L’ attuale chiesa in legno dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria è stata eretta all’inizio del XIX sec. I santuari precedenti, che si sono trovati qui per circa due secoli, sono stati distrutti da incendi. Si narra che dopo di essi è sopravvissuto solo il ritratto miracoloso della Madre di Dio, che da quel momento, più di ogni altra cosa, ha reso la chiesa famosa. Esso è custodito presso l’altare maggiore. Si può pregare vicino alla chiesa di Pivašiūnai e anche vicino alle stazioni di quercia dei misteri delle beatitudini del Rosario.

    Importante per i pellegrini:

    Si crede che il ritratto della Madre di Dio con il Bambino, che viene adorato a Pivašiūnai, sia equivalente per poteri miracolosi alla Madonna della Porta dell’Aurora di Vilnius. L’origine del quadro è avvolta dai segreti, anche se si ritiene che esso è stato dipinto nel XVII sec. in Lituania. Nel ritratto è raffigurata Maria che tiene il bambin Gesù sulle ginocchia. Dal XVIII sec. la loro rappresentazione è decorata con finiture in argento dorato.

    San Giovanni Paolo II:

    Nel 1988 papa Giovanni Paolo II ha donato le corone con cui è stato incoronato il famoso quadro. Al dipinto è stato conferito il titolo di Conforto dei Tristi.

    Tradizioni religiose:

    Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria – Žolinės: si festeggia per 8 giorni dal 15 al 22 Agosto.

    Festa della SS. Vergine Maria del Conforto dei Tristi: ogni 15 del mese.

    Informazioni per i visitatori:

    La Chiesa è aperta solo durante le funzioni religiose.

    Cosa vedere ad Alytus: https://www.alytusinfo.lt/lankytinos-vietos/?module=tourism&action=ajax_get_map_markers_list&type=1&mapc=53.9917;23.4457;54.7057;24.7448

  • Basilica di S. Michele Arcangelo di Marijampolė e cappella del Beato Jurgis Matulaitis nella sua terra natale a Lūginė

    Significato:

    Marijampolė è una città che ha preso il nome dalla SS. Vergine Maria, protettrice dell’ordine mariano. I pellegrini locali e di altri paesi vanno alla basilica di S. Michele Arcangelo per pregare presso le spoglie dell’Arcivescovo Jurgis Matulaitis ivi sepolte.

    Storia:

    L’attuale basilica è stata eretta nel 1824 al posto della chiesa in legno costruita a metà del XVIII sec., che è stata distrutta da un incendio. Il titolo di basilica minore è stato conferito alla chiesa nel 1992. Nella basilica dai tratti neoclassici e neobarocchi, sono presenti sei altari. Nel 1934 sono stati trasferiti nella cappella del SS. Cuore di Gesù della chiesa le spoglie del Beato Arcivescovo Jurgis Matulaitis. Il Beato J. Matulaitis ha rinnovato l’ordine mariano, egli stesso ha dato i voti da monaco, ha fondato la congregazione delle Suore dell’Immacolata Concezione della SS. Vergine Maria (si possono avere maggiori informazioni sulla sua vita nel Museo del Beato Jurgis Matulaitis nel monastero mariano di Marijampolė).

    Importante per i pellegrini:

    Il sarcofago con le spoglie del Beato Arcivescovo Jurgis Matulaitis, l’epitaffio in granito con il suo bassorilievo, il quadro, che rappresenta il Beato a tutta altezza, la maschera postuma di gesso del Beato Jurgis Matulaitis, i suoi abiti liturgici, la copia del decreto di dichiarazione della beatificazione e addirittura la fonte battesimale in legno, presso la quale nell’Aprile 1871 è stato battezzato Jurgis Boleslovas Matulaitis. Questi oggetti, custoditi nella cappella del Beato Jurgis Matulaitis della basilica, attirano sia i pellegrini locali che stranieri a pregare presso la tomba dell’Arcivescovo famoso per la sua santa vita, a chiedere la sua benedizione e le sue grazie.

    I fedeli visitano anche la cappella del Beato Jurgis Matulaitis che si trova poco distante da Marijampolė, costruita nel 1991, nel luogo della sua nascita, nel villaggio di Lūginė. È d’uso nel mese di luglio, durante la celebrazione dell’anniversario della beatificazione del Beato Jurgis Matulaitis, andare a piedi da Marijampolė alla cappella di Lūginė.

    Nell’altare della basilica di S. Antonio da Padova di Marijampolė è custodito anche il quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino (di Vaizbūniškės), famoso per le grazie.

    San Giovanni Paolo II:

    Il 28 Giugno 1987 papa Giovanni Paolo II ha proclamato Beato, l’Arcivescovo Jurgis Matulaitis, tenendo conto delle sue virtù nonché dei ringraziamenti delle persone per le grazie e le guarigioni ricevute. Ogni anno nel mese di luglio si celebra per un’intera settimana, in maniera solenne, nella basilica di Marijampolė, l’anniversario della beatificazione del Beato Jurgis Matulaitis.

    Tradizioni religiose:

    Commemorazione liturgica, Festa del Beato Jurgis Matulaitis: 27 Gennaio.

    Festa di S. Antonio da Padova: 13 Giugno.

    Otto giorni di festa del Beato Jurgis Matulaitis (per commemorare il giorno di beatificazione del Beato): dalla domenica prima del 12 Luglio fino alla domenica successiva.

    Festa di S. Michele Arcangelo, protettore principale della chiesa: 29 Settembre

    Informazioni per i visitatori:

    La basilica è aperta dalle ore 7 alle ore 19.

    Cosa vedere a Marijampolė: https://marijampoletic.lt/en/

  • Basilica Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo di Kaunas

    Significato:

    La Basilica Cattedrale di Kaunas è una dei più grandi e antichi santuari della Lituania. Oltre a ciò è l’edificio sacro in stile gotico più grande della Lituania. È famosa per il dipinto della Madre delle Grazie.

    Storia:

    È noto che la chiesa di S. Pietro di Kaunas è stata fondata da Vytautas il Grande all’inizio del XV sec., successivamente è stata ricostruita più di una volta. Nel 1895 è stato conferito alla chiesa lo status di Cattedrale, nel 1921, il titolo di basilica minore mentre nel 1926, il rango di Basilica Cattedrale. L’attuale Cattedrale ha nove altari, dei quali il più recente è l’altare di Giovanni Paolo II con la reliquia del Santo Padre. Nella cripta e nel sagrato della Cattedrale sono sepolti famosi ecclesiastici, vescovi e nella cappella del SS. Sacramento è sepolto il primo cardinale della Lituania, Vincentas Sladkevičius.

    Importante per i pellegrini:

    I fedeli sono attratti al santuario dal dipinto della Madre di Dio Addolorata del XVI sec., famoso per le grazie e dal dipinto della SS. Vergine Maria delle Grazie del XVII sec. Il dipinto della Madre di Dio Addolorata, nel quale è raffigurata la SS. Vergine Maria, che tiene suo figlio, tolto dalla croce, è il dipinto più antico della Cattedrale. Le offerte votive lasciate dalle persone testimoniano le sue grazie.

    San Giovanni Paolo II:

    Il Papa ha pregato nel santuario il 6 Settembre 1993, durante il suo viaggio in Lituania (questo avvenimento è ricordato su una targa commemorativa presso l’ingresso laterale della basilica). Presso l’altare laterale della rinnovata Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo di Kaunas, si adora la reliquia del Santo Giovanni Paolo II. Nella basilica i pellegrini possono visionare anche il quadro in cui il pittore Paulius Juška ha raffigurato il Papa a tutta altezza.

    Tradizioni religiose:

    Festa del Trono del S. Apostolo Pietro: 22 febbraio (si sposta alla domenica più prossima).

    Festa della SS. Vergine Maria Addolorata: il venerdì prima della domenica della Passione del Signore (delle Palme).

    Fasta dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo: 29 Giugno.

    Festa della consacrazione della Basilica Laterana: 9 Novembre.

    Informazioni per i visitatori:

    La Cattedrale è aperta tutti i giorni dalle ore 7 alle ore 19.

    Cosa vedere a Kaunas: https://visit.kaunas.lt/en/kaunastic/

  • Chiesa della Resurrezione di Cristo di Kaunas

    Significato:

    La basilica della Resurrezione di Cristo è il simbolo della libertà, della sofferenza e della resurrezione del popolo lituano. Essa è la chiesa basilicale più grande nei Paesi Baltici.

    Storia:

    L’architettura moderna della basilica della Resurrezione di Cristo, la torre di 70 metri perfettamente visibile da diverse parti della città, la Croce senza Crocefisso non consueta nelle chiese lituane, il quadro del Cristo Misericordioso e la copia del dipinto della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora nella cappella del SS. Sacramento e anche la cappella dedicata ad onore della SS. Vergine Maria di Šiluva, sulla terrazza che si trova sul tetto della basilica. Si è deciso di costruire questa chiesa unica ringraziando Dio per la riottenuta indipendenza della Lituania. Eretta nel 1940, poco dopo l’occupazione sovietica, si è iniziato a usarla secondo una destinazione d’uso diversa: negli spazi della chiesa è stata fondata una fabbrica di ricevitori radio. Il santuario è stato restituito ai fedeli solo nel 1990. La ristrutturazione delle Chiesa nonché i lavori di ricostruzione sono durati un decennio. Nel 2015 papa Francesco ha conferito alla Chiesa della Resurrezione di Cristo il titolo di basilica minore.

    Importante per i pellegrini:

    Oltre al citato ritratto di Gesù Misericordioso e delle copie del ritratto della SS. Vergine Maria Madre di Misericordia della Porta dell’Aurora, nella cappella del SS. Sacramento della basilica della Resurrezione di Cristo, i pellegrini possono pregare anche sul tetto della basilica. Qui su una terrazza attrezzata c’è la cappella della SS. Vergine Maria di Šiluva, presso il cui altare è custodita la reliquia di S. Antonio.

    San Giovanni Paolo II:

    Dal 2005, quando è morto papa Giovanni Paolo II, nella Chiesa della Resurrezione c’è la tradizione di commemorare solennemente l’anniversario della morte del papa Giovanni Paolo II. Oltre a questo, nella sala conferenze della Chiesa, è presente una mostra fotografica permanente “La visita di Giovanni Paolo II in Lituania”, qui si può vedere il film documentario “Giovanni Paolo II in Lituania”.

    Tradizioni religiose:

    Festa della Resurrezione di Cristo (Pasqua)

    Festa del SS. Cuore di Gesù: si sposta alla terza domenica dopo la Pentecoste.

    Festa della Nascita della SS. Vergine Maria: 8 Settembre (si sposta alla domenica più prossima)

    Informazioni per i visitatori:

    Si può visitare la basilica dalle ore 9 alle ore 18.30 e anche durante le funzioni religiose.

    Cosa vedere a Kaunas: https://visit.kaunas.lt/en/kaunastic/

  • Complesso del monastero Camaldolese di Pažaislis

    Significato:

    La Chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria e il monastero Camaldolese sono uno dei più bei capolavori dell’architettura tardo-barocca del Nord-Est Europa. Essa è famosa per il miracoloso dipinto della SS. Vergine Maria, Madre di Dio dei Camaldolesi, che attira i pellegrini.

    Storia:

    La costruzione della chiesa di Pažaislis e del monastero, sulla Penisola della Laguna di Kaunas, fu iniziata nel XVII sec. dalla famiglia di nobili dei Pacai, del Granducato di Lituania. Essi chiamarono in aiuto artisti italiani: gli architetti italiani Giovanni Pattista Frediani e Pietro Puttini, il pittore Michelangelo Palloni e altri. Sono rimasti nel monastero più di cento vari affreschi in stile barocco italiano. Oggi il monastero è gestito dalle Suore di San Casimiro.

    Importante per i pellegrini:

    Nell’altare maggiore della chiesa della Visitazione della SS. Vergine Maria si può vedere il quadro della Graziosa Madre dell’Amore, famoso per le grazie. Esso è stato donato nel 1661 da papa Alessandro VII al fondatore della chiesa di Pažaislis. Questo è opera di un autore fiammingo sconosciuto del XVII sec. Anche la solenne festa dell’Assunzione di Maria al cielo (Žolinės), attira grandi masse di pellegrini.

    Il complesso è famoso anche per l’annuale festival internazionale di musica di Pažaislis e per il complesso ricettivo “Monte Pacis” con albergo e ristorante.

    San Giovanni Paolo II:

    Tradizioni religiose:

    Festa della Visitazione della SS. Vergine Maria da Elisabetta: 31 Maggio (si sposta alla domenica più prossima).

    Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria (Žolinės): 15 Settembre.

    Informazioni per i visitatori:

    E’ possibile visitare il complesso martedì-venerdì dalle ore 10 alle ore 17, sabato dalle ore 10 alle ore 16. Il primo sabato di ogni mese è dedicato ai pellegrini e ai fedeli: alle ore 12 nella chiesa si celebra la S. Messa.

    Cosa vedere a Kaunas: https://visit.kaunas.lt/en/kaunastic/

  • Basilica della Nascita della SS. Vergine Maria di Šiluva, cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria e territorio tra le due

    Significato:

    Šiluva è uno dei centri spirituali più importanti della Lituania nonché uno dei primi luoghi di apparizione della Vergine Maria in Europa, chiamata la Lourdes della Lituania. Particolari motivi di attrazione dei pellegrini sono non solo il luogo di apparizione di Maria ma anche la tradizionale festa di Šilinės che si svolge qui da quasi 500 anni.

    Storia:

    È rimasta una storia scritta che narra che nel 1608, dei pastori che pascolavano il gregge, hanno visto su una grande roccia la Vergine che piangeva con il bambino tra le mani. Quando le chiesero perché piangesse, la Vergine ha risposto: “Piango perché prima, in questo luogo, era onorato mio Figlio, adesso invece si ara e si semina”. Gli abitanti si ricordarono che effettivamente prima in quel luogo si ergeva una chiesa e dopo aver scavato trovarono uno scrigno con il tesoro della chiesa di Šiluva. Allora sul luogo dell’Apparizione di Maria fu costruita una chiesa in legno e ravvivata la festa di Šilinės, conosciuta già dal XV sec. La basilica della Nascita della SS. Vergine Maria, in muratura di mattoni rossi, fu eretta nel XVIII sec. e il decoro del suo interno è rimasto invariato fino ad oggi. Nella basilica è custodito il famoso dipinto incoronato con le corone papali della SS. Vergine Maria con il Bambino.

    Con l’avvicinarsi del giubileo di 300 anni dell’Apparizione di Maria, l’architetto Antanas Vivulskis ha progettato la cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria. All’interno della cappella di 44 m di altezza è presente un altare, costruito sulla roccia, sul quale nel 1608 è apparsa la SS. Vergine Maria. La basilica della Nascita della SS. Vergine Maria insieme alla cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria e la piazza presente tra di loro formano uno spazio sacro. In esso durante le festività si svolgono le principali preghiere.

    Importante per i pellegrini:

    Presso l’altare maggiore della basilica della Nascita della SS. Vergine Maria è custodito il miracoloso dipinto della Madre di Dio con il Bambino. Esso è stato dipinto nel XVII sec. su esempio dell’icona di Santa Maria della Neve a Roma.
    Le finiture del dipinto sono realizzate dalle offerte votive donate dalle persone, per ringraziare delle grazie ricevute. Nella cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria i fedeli pregano camminando in ginocchio intorno all’altare, costruito sulla roccia, su cui apparve Maria.

    Una festa particolare a Šiluva è la festa di più grande che si svolge in Lituania, a cui si può partecipare nel mese di settembre.

    San Giovanni Paolo II:

    Durante il suo quarto giorno di permanenza in Lituania, il 7 settembre 1993, Giovanni Paolo II ha visitato Šiluva: ha pregato nella cappella dell’Apparizione, ha baciato la roccia su cui è apparsa la Vergine Maria. Per celebrare il 15° anniversario della visita del Papa, nella piazza di Šiluva tra la basilica della Nascita della SS. Vergine Maria e la cappella dell’Apparizione della SS. Vergine Maria, nel 2008 è stato inaugurato un monumento al Santo Padre.

    A Šiluva ci sono anche altri segni memoriali della visita di Giovanni Paolo II: nel museo di Šiluva è custodito il rosario d’oro che ha donato; la via della cittadina di Šiluva che passa lungo la piazza attraverso la Basilica e la cappella dell’Apparizione, è stata denominata su decisione del municipio di Raseiniai, con il nome di Giovanni Paolo II; anche la casa dei pellegrini di Giovanni Paolo II, fondata a Šiluva, ricorda il Santo Padre; nella piazzetta in cui è atterrato con l’elicottero è stata costruita una croce.

    Tradizioni religiose:

    Festa di Šilinės o della Nascita della SS. Vergine Maria: 8-15 Settembre.

    Festa della Visitazione della SS. Vergine Maria: 31 Maggio (si sposta alla domenica più prossima).

    Festa del SS. Cuore di Gesù: si sposta alla terza domenica dopo la Pentecoste.

    Giorno di Maria: ogni 13 del mese.

    Informazioni per i visitatori:

    Nei mesi di Maggio-Ottobre la basilica e la cappella sono aperte dalle ore 8 alle ore 20, nei mesi di Novembre-Aprile dalle ore 8 alle ore 15.

    Cosa vedere a Raseiniai: https://atraskraseinius.lt/

  • Complesso della Chiesa e del monastero di Tytuvėnai

    Significato:

    Uno dei più preziosi e grandi monumenti di architettura sacra in Lituania del XVII-XVIII sec., che i pellegrini del mondo hanno già scoperto, per via del quadro della Madre di Dio con il Bambino, famoso per le grazie, della cappella delle Scale dei Santi nonché delle tradizioni festive.

    Storia:

    La storia del complesso della chiesa e del monastero di Tytuvėnai è connessa con l‘arrivo dei monaci Bernardini all‘inizio del XVII sec.: essi hanno costruito il monastero e nel 1635 hanno consacrato la chiesa della SS. Vergine Maria Regina degli Angeli. In seguito nel santuario della chiesa è stata eretta la cappella delle scale di Cristo, o dei Santi, con l‘altare di Gesù Cristo Crocifisso e la galleria delle stazioni della Via Crucis. Con 39 stazioni, è la Via Crucis più grande in Lituania in base al numero delle stazioni. Il complesso del monastero, iniziato con uno spirito gotico, è avvolto da dettagli in stile rinascimentale, tuttavia il più grande omaggio è stato reso all‘architettura barocca.

    Importante per i pellegrini:

    Presso l‘altare principale della chiesa, dal XVII sec. è venerato il quadro della Madre di Dio con il Bambino, famoso per le grazie. Dopo che furono costruite le stazioni della Via Crucis e la cappella delle scale di Cristo, o dei Santi, nel XVIII sec., i fedeli si recavano a Tytuvėnai non solo per chiedere la benedizione della Madre di Dio ma anche per percorrere la Via Crucis con le scale Sante. Esiste la tradizione di salire la scala in ginocchio e baciare le sacre reliquie, protette da vetro, su ogni scalino: la Terra Santa portata da Gerusalemme. Ogni anno, l‘ultima domenica di Agosto, i pellegrini vanno da Tytuvėnai a Šiluva.

    San Giovanni Paolo II:

    Tradizioni religiose:

    Festa di S.Antonio: il 13 Giugno (si sposta alla domenica).

    Festa della Visitazione della SS. Vergine Maria: la prima domenica di Luglio.

    Festa dela SS. Vergine Maria Regina degli Angeli (Porziuncula): la prima domenica di Agosto.

    Pellegrinaggio da Tytuvėnai a Šiluva con la statua della Madonna di Fatima: l‘ultima domenica di Agosto.

    Informazioni per i visitatori:

    Cosa vedere a Kelmė: http://www.kelmevic.lt/

  • Chiesa di Maria Regina della Pace di Klaipėda

    Significato:

    Questa è l‘unica chiesa cattolica sia in Lituania che nei Paesi Baltici, costruita nel periodo sovietico, quando nel paese prevalevano misure repressive per impedire la tutela della fede cattolica.

    Storia:

    Il santuario, costruito tra il 1957 e il 1960, doveva colmare la carenza di luoghi di culto cattolici nella città portuale, quasi tutti distrutti durante la seconda Guerra Mondiale. Purtroppo, i sovietici non permisero l‘apertura della chiesa costruita: iniziarono a demolirla e a devastarla. La chiesa fu restituita ai fedeli solo nel 1988. È possibile conoscere maggiori informazioni riguardo alla storia della chiesa, dalle foto d‘archivio, nella torre campanaria della chiesa, salendo sul belvedere che si trova a quasi 47 m di altezza.

    Importante per i pellegrini:

    San Giovanni Paolo II:

    Tradizioni religiose:

    Festa della SS. Vergine Maria Regina: il 22 Agosto (si sposta alla domenica).

    Festa di S. Giovanni Battista: il 24 Giugno.

    Festa della SS. Teresa di Gesù Bambino: il 1° Ottobre (si sposta alla domenica).

    Informazioni per i visitatori:

    Cosa vedere a Klaipėda: https://klaipedatravel.lt/en/

  • Basilica della Visitazione della SS. Vergine Maria e cappelle della Via Crucis del Calvario di Samogizia

    Significato:

    Questo è un centro di pellegrinaggio della Lituania Occidentale, famoso per il miracoloso quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino, Regina delle Famiglie Cristiane, per le autentiche tradizioni della Collina delle Croci nonché per le grandi feste del Calvario.

    Storia:

    Per decisione del Granduca di Lituania Vytautas, dal XV sec. la terra di Gardai (ora Calvario di Samogizia) apparteneva ai possedimenti del maniero vescovile della diocesi di Samogizia. Il vescovo Jurgis Tiškevičius nel 1637 ha invitato i dominicani a venire qui. Su loro iniziativa, nel 1639, per la prima volta fu istituita a cielo aperto la Via Crucis nel territorio del Granducato di Lituania, furono costruite le cappelle delle stazioni del cammino della Passione di Cristo, da cui deriva il nome del luogo del Calvario di Samogizia, e si iniziò a celebrare le feste. Dalla metà del XVI sec., iniziò a diventare famosa per le grazie il quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino, portato da Roma. Con l‘aumentare del numero dei fedeli, che volevano pregare presso il Quadro Miracoloso e partecipare alle feste, nel 1824 venne consacrata una nuova chiesa in muratura, al posto di quelle in legno che c‘erano precedentemente. Nel 1988 alla chiesa è stato conferito il rango di Basilica.

    Importante per i pellegrini:

    Si consiglia di iniziare la visita al Calvario di Samogizia da una preghiera presso il quadro della Madre di Dio, famoso per i miracoli, che si trova nella basilica della Visitazione da Elisabetta della SS. Vergine Maria. Nel 2006 è stato incoronato con corone consacrate da papa Benedetto XVI e gli è stato conferito il titolo di Regina delle Famiglie Cristiane. Qui tradizionalmente i pellegrini iniziano e finiscono di percorrere la Via Crucis. Il cammino della Passione del Calvario di Samogizia, che si estende per 4,5 chilometri, è formato da 19 cappelle di architettura popolare con 20 stazioni. Se si cantano tutti gli inni e se vengono pronunciati i sermoni in tre posti, la processione della Via Crucis dura circa 3 ore.

    Nella chiesa e nelle cappelle sono conservate anche altre reliquie importanti per i fedeli: la reliquia della S. Croce più grande nei Paesi Baltici, un pezzetto di legno dal Monte degli Ulivi a Gerusalemme, una copia del chiodo di Cristo portata da Roma, un piccolo sasso dal Monte Golgota a Gerusalemme, la fotocopia della Sindone di Torino – lenzuolo funebre di Cristo.

    San Giovanni Paolo II:

    Papa Giovanni Paolo II considerava il Calvario di Samogizia uno dei luoghi della Lituania in cui era particolarmente venerata la Santissima Vergine, Madre di Misericordia. Nel 1988 il Santo Padre ha conferito alla chiesa del Calvario di Samogizia il rango di Basilica e ha iniziato il processo di incoronazione con corone papali del miracoloso quadro della Madre di Dio con il Bambino del Calvario di Samogizia.

    Tradizioni religiose:

    Festa maggiore del Calvario di Samogizia, o della Visitazione da Elisabetta della SS. Vergine Maria: 2-12 Luglio.

    Festa mensile: ogni 2 del mese.

    Le colline della Via Crucis si percorrono in comunità durante le feste mensili, dopo la S. Messa delle ore 12 e durante la Festa maggiore, dopo ogni S. Messa (la processione principale è dopo la S. Messa con la reliquia della S. Croce delle ore 12).

    Informazioni per i visitatori:

    La basilica è aperta d‘estate dalle ore 9 alle 20, d‘inverno un’ora prima della S. Messa, il sabato e la domenica dalle ore 9 alle 13.

    Cosa vedere a Plungė: https://www.visitplunge.lt/plunges-tic/

  • Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo

    Significato:

    La Cattedrale di Šiauliai è il luogo di partenza del pellegrinaggio alla Collina delle Croci.

    Storia:

    La chiesa in muratura è stata eretta a Šiauliai nel XVII sec. al posto delle chiese in legno che si trovavano in quel luogo precedentemente. Il santuario è stato gravemente danneggiato da guerre e tempeste; gli altari che sono bruciati dopo la seconda Guerra Mondiale sono stati ricostruiti solo nel 7°decennio del XX sec. I tratti distintivi della chiesa dall’architettura rinascimentale sono: la torre campanaria di 70 m di altezza, che si erge sopra la città, l’orologio solare sulla parete meridionale nonché l’unica porta di un santuario in Lituania con torrette difensive e aperture di tiro.

    Importante per i pellegrini:

    I pellegrini iniziano il cammino di 12 km a piedi verso la collina delle Croci proprio dalla Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo di Šiauliai. Grandi masse di fedeli sono attratte qui ogni anno, il mese di luglio, dall’inizio della celebrazione della festa della Collina delle Croci e dal pellegrinaggio verso la Collina delle Croci, condotto dal vescovo della Cattedrale di Šiauliai. I credenti portano le croci alla Collina delle Croci dalla Cattedrale anche in altri momenti, solitamente da primavera fino a metà autunno.

    Nella Cattedrale di Šiauliai è venerato in particolar modo il quadro della SS. Vergine Maria con il Bambino.

    San Giovanni Paolo II:

    L’8 Maggio 1997 su decisione di papa Giovanni Paolo II fu fondata la diocesi di Šiauliai e la chiesa è diventata la Cattedrale dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo. Nella cappella della Misericordia sono custodite le reliquie di Giovanni Paolo II.

    Tradizioni religiose:

    Festa della Discesa dello Spirito Santo – Pentecoste: il sabato e la domenica della Pentecoste.

    Festa dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo: il 29 Giugno (si sposta alla domenica più prossima).

    Informazioni per i visitatori. La Cattedrale è aperta tutti i giorni dalle ore 7 alle 19.

    Informazioni per i visitatori:

    Cosa vedere a Šiauliai: https://www.visitsiauliai.lt/

  • Chiesa di S. Ignazio di Loyola di Šiauliai

    Significato:

    Storia:

    I gesuiti arrivati a Šiauliai nel 1930 iniziarono la costruzione della chiesa. Purtroppo, durante il periodo sovietico fu chiusa, utilizzata con una destinazione d’uso diversa e solo nel 1990 restituita ai credenti.

    Importante per i pellegrini:

    San Giovanni Paolo II:

    Durante la visita in Lituania, il 7 Settembre 1993, papa Giovanni Paolo II ha pregato e si è riposato nella chiesa di S. Ignazio da Loyola di Šiauliai. Egli ha benedetto non solo la chiesa ma anche la futura scuola: in questo momento vicino alla chiesa è operativa una scuola elementare cattolica gesuita.

    Nel santuario della chiesa è presente un monumento a papa Giovanni Paolo II di 3 m di altezza. L’opera dello scultore Mindaugas Junčys è stata regalata alla chiesa da una famiglia di Šiauliai. Non permette ai credenti di dimenticare la visita del Papa, l’evento miracoloso che accadde: il papa, mentre era in ginocchio nella chiesa di S. Ignazio di Loyola, si sporcò di vernice e sulla scultura della chiesa costruita più tardi fu notata una macchia rossa: era proprio nel punto in cui il Papa si sporcò.

    Tradizioni religiose:

    Ogni giovedì, dopo la S. Messa della sera, si organizza in chiesa l’adorazione del SS. Sacramento. Il primo venerdì del mese si svolge una serata di preghiera e di veglia insieme all’associazione nazionale degli esorcisti.

    Informazioni per i visitatori:

    Il santuario è aperto tutto il giorno (24 ore su 24).

    Cosa vedere a Šiauliai: https://www.visitsiauliai.lt/

  • Collina delle Croci

    Significato:

    Collina con circa 200 croci: unico luogo sacro del genere in tutto il mondo, che testimonia una tradizione religiosa e una devozione dei fedeli unica.

    Storia:

    Sulla collina di Jurgaičiai (anche chiamata di Domantai, Collina Santa o Collina del Castello), nell’ XI-XIV sec. si ergeva un castello di legno mentre dal XIX sec. la collina era già chiamata, nelle fonti scritte, Collina delle Croci: su di essa nel 1850 c’erano 20 croci, dopo circa un secolo, già circa 400. Secondo le storie di alcuni, questa tradizione nacque dopo miracolose guarigioni avvenute dopo che le croci venivano lasciate in questo posto e le persone pregavano Dio per la salute, secondo altri, si iniziarono a piantare le croci per ricordare la memoria dei morti nella rivolta del 1863. Nel periodo tra le due guerre, si iniziarono a celebrare le feste sulla Collina delle Croci e l’usanza di piantare le croci qui mentre si pregano le grazie di Dio non fu cancellata neanche dai sovietici durante l’occupazione. Dopo che la Lituania riconquistò l’indipendenza, la Collina delle Croci divenne un luogo di pellegrinaggio mondiale. La visita di papa Giovanni Paolo II lo rese particolarmente famoso.

    Importante per i pellegrini:

    Il 20 Luglio 1997 il primo vescovo di Šiauliai Eugenijus Bartulis rinnovò la festa della Collina delle Croci: essa si festeggia l’ultima domenica di luglio. Ogni anno si svolgono pellegrinaggi, sia grandi che piccoli, dalla Collina delle Croci e verso di essa. Ringraziando o pregando qualcosa in questo luogo sacro, i fedeli lasciano croci, piccole cappelle votive, quadri, rosari e altro.

    San Giovanni Paolo II:

    Il 7 Settembre 1993, papa Giovanni Paolo II ha pregato e ha celebrato la S. Messa sulla Collina delle Croci. Per sua iniziativa è stato costruito un monastero francescano vicino alla Collina delle Croci.

    I pellegrinaggi di solito partono e terminano dal crocifisso inviato dallo stesso Giovanni Paolo II che si trova sulla Collina delle Croci.

    Tradizioni religiose:

    Festa della Collina delle Croci: l’ultima domenica di Luglio.

    Pellegrinaggio dalla Cattedrale di Šiauliai alla Collina delle Croci: l’ultima domenica di Luglio.

    Pellegrinaggio dalla Collina delle Croci a Šiluvą: il primo fine settimana di Settembre.

    Informazioni per i visitatori:

    Si può visitare la Collina delle Croci in qualsiasi momento della giornata (24 ore su 24) o dell’anno.

    Cosa vedere a Šiauliai: https://www.visitsiauliai.lt/

  • Chiesa del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis

    Significato:

    La chiesa del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis è uno dei più bei complessi di architettura neogotica in Lituania. In esso si adora in particolare la Vergine Maria.

    Storia:

    La chiesa neogotica del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis è stata costruita nel 1877. Il suo fondatore è stato il conte di Rokiškis Reinhold Tyzenhaus. La chiesa si distingue per la lussuosa decorazione: l’altare maggiore è stato realizzato in bronzo a Parigi (Francia), il pulpito in rovere e gli altari laterali a Louvain (Belgio), le vetrate delle finestre a Vienna (Austria). La torre campanaria della chiesa è stata progettata dall’architetto Georgas Verneris secondo l’esempio della Cattedrale di S. Stefano a Vienna.

    È interessante che nella chiesa del S. Apostolo Evangelista Matteo di Rokiškis sia custodita e utilizzata la copia del tamburo, che l’atamano del Granducato di Lituania Mykolas Kazimieras Pacas portò come trofeo dalla battaglia di Chocim vinta nel 1673 e regalò alla chiesa di S. Pietro e Paolo a Vilnius. Questo tamburo di ottone di 130 centimetri di diametro, rivestito in pelle, fu regalato alla chiesa da R. Tyzenhaus.

    Importante per i pellegrini:

    La chiesa di Rokiškis si distingue per la tradizione religiosa della SS. Vergine Maria: ogni anno, nel mese di Agosto, qui si celebra solennemente la festa dell’ Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria; presso l’altare laterale della chiesa c’è Maria, Regina del Rosario; presso l’altare del cuore di Gesù, la raffigurazione della Madre di Dio Addolorata e nella cappella sotterranea c’è il quadro in mosaico di Maria della Porta dell’Aurora.

    Durante la Pasqua, nella chiesa si svolge un’interessante tradizione di percussioni: il Venerdì Santo e la sera del Sabato Santo, si suona il tamburo prima della messa. La mattina di Pasqua, Domenica, fino alla messa e mentre viene cantato l’inno d’onore., suonano sia l’organo, che le campane, che il tamburo.

    San Giovanni Paolo II:

    Tradizioni religiose:

    Festa del SS. Cuore di Gesù: il terzo venerdì dopo la Pentecoste.

    Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria: il 15 Agosto.

    Festa del S. Apostolo Evangelista Matteo: il 21 Settembre (si sposta alla domenica più prossima).

    Informazioni per i visitatori:

    La chiesa è aperta ogni giorno dalle ore 13 alle 17 e durante la S. Messa.

    Cosa vedere a Rokiškis: https://www.rokiskiotic.lt/en/

  • Basilica dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria di Krekenava

    Significato:

    Questa è l’unico santuario sussidiario alla basilica di S. Maria Maggiore di Roma in Lituania. In esso, per secoli, è stato adorato il miracoloso quadro della Madre di Dio con il Bambino. Il santuario è famoso anche per la festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria – Žolinės.

    Storia:

    La chiesa di Krekenava è la più giovane basilica in Lituania. Papa Benedetto XVI le ha conferito il titolo di Basilica minore nel 2011. Si crede che la storia del cattolicesimo di Krekenava iniziò nel XIV sec., quando da Cracovia fu portato il quadro miracoloso della SS. Vergine Maria con il Bambino tra le braccia. All’inizio, esso era adorato in una chiesa di legno, successivamente in una in muratura, costruita nel 1901. Il quadro della SS. Vergine Maria è coperto, lontano dalle festività, con un quadro dipinto da Romanas Švoinickis “Cristo tra gli abitanti Krekenava”, per il quale hanno posato anche gli abitanti locali di Krekenava.

    Importante per i pellegrini:

    Dall’antichità i pellegrini, mentre visitano il quadro miracoloso della Vergine Maria Madre di Dio di Krekenava, che si trova presso l’altare maggiore, camminano in ginocchio intorno all’altare, affinché le loro preghiere siano ascoltate.

    Inoltre, i fedeli sono attratti a Krekenava non solo dalla festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria (Žolinės) ma anche da quella di Antonio da Padova. Presso l’altare laterale della basilica si prega verso il quadro che si distingue anch’esso per i poteri miracolosi di S. Antonio da Padova.

    San Giovanni Paolo II:

    Il Santo Padre menzionava spesso Krekenava come uno dei santuari di Maria più famosi in Lituania. Nel 1999 papa Giovanni Paolo II ha conferito l’indulgenza universale ai fedeli che visitano il santuario di Krekenava durante gli otto giorni della festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Mari (Žolinės), il 15 di qualsiasi mese e durante la festa di S. Antonio da Padova. Nell’altare laterale della basilica si può visionare il ritratto del S. Papa Giovanni Paolo II dipinto dall’artista Aušra Ratkevičienė, inaugurato nel 2014.

    Tradizioni religiose:

    Festa dell’Assunzione in cielo della SS. Vergine Maria, Žolinės: il 15 Agosto.

    Festa mensile: ogni 15 del mese.

    SS. Vergine Maria, Genitrice di Dio (Anno Nuovo): il 1 Gennaio.

    Festa di S. Antonio da Padova: il 13 Giugno (si sposta alla domenica più prossima).

    Festa della SS. Vergine Maria della Neve: il 5 Agosto.

    Festa della Nascita della SS. Vergine Maria: l’8 Settembre.

    Festa dell’Immacolata Concezione della SS. Vergine Maria: l’8 Dicembre.

    Informazioni per i visitatori:

    La Basilica è aperta ogni giorno dalle ore 8 alle 17. Nota: poiché sono in corso i lavori di ristrutturazione della basilica, tutte le funzioni religiose si svolgono nella casa parrocchiale.

    Cosa vedere nel distretto di Panevėžys: https://www.panevezysinfo.lt/